"Ha minacciato il gestore di un noto locale", denunciato un 35enne

E' stato lo stesso imprenditore a dire di avere subito da diverso tempo il danneggiamento degli arredi esterni del proprio ristorante

FOTO ARCHIVIO

La polizia di Canicatti, ieri, ha deferito in stato di libertà all’autorità  giudiziaria G.M. nato a Palermo. Il 35enne è responsabile dei reati di minaccia e danneggiamento ai danni del gestore di un noto locale di ristorazione. I fatti avevano origine lo scorso anno intorno al mese di  dicembre, quando il ristoratore denunciava di avere subito da diverso tempo il danneggiamento degli arredi esterni del proprio locale.

Il gestore che aveva avuto in locazione l’immobile adibito a ristorante da D. N. M., di Canicattì, residente nell’appartamento del piano di sopra,  nonché genitore del denunciato, non appena si era verificato il danneggiamento, aveva controllato le immagini delle videocamere di sorveglianza, riconoscendo  l’autore del gesto quale figlio della proprietaria. Nelle giornate successive, il ristoratore ha subito pesanti insulti e minacce ed il danneggiamento della propria autovettura  parcheggiata nei pressi del locale.

Due testimoni dell’accaduto, con il loro prezioso intervento, riuscivano ad allontanare G.M. e a riconoscerlo, presso gli uffici del commissariato. Gli inquirenti hanno potuto fare affidamento ad un dvd che conteneva le immagini degli eventi criminosi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Intascava i soldi delle carte di identità elettroniche", arrestato impiegato comunale

  • Vede l'auto in fiamme, si precipita in strada e viene accoltellato: un arresto

  • Coltello alla mano si scaglia contro la moglie e la colpisce alla tempia: 58enne arrestato per tentato omicidio

  • Non ha soldi nemmeno per i vestiti e la biancheria, reclusa chiede aiuto ai "Volontari di Strada"

  • L'incidente di Canicattì, le ferite erano così gravi da uccidere la 35enne?

  • Anziano si fa masturbare in strada: nuovo caso di atti osceni in luogo pubblico

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento