rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Cronaca

"Ha aiutato l'amico a suicidarsi", la procura dei minori ne chiede il processo

Il giovanissimo è indagato per il reato di omicidio del consenziente per la morte del ventiseienne Mirko La Mendola

La Procura per i minorenni di Palermo ha chiesto il rinvio a giudizio nei confronti di un sedicenne nisseno indagato per il reato di omicidio del consenziente per la morte di Mirko La Mendola, suicidatosi a 26 anni la sera del 25 agosto sulla spiaggia di Punta Grande. L’udienza preliminare è stata fissata dal Gup di Palermo per il 20 gennaio 2022.

L'indagato è detenuto dal 13 dicembre al "Malaspina" di Palermo. La procura accusa al giovane perché "condividendo con Mirko La Mendola, a lui legato da profonda ed intensa amicizia, il programma da questi ideato di porre fine alla propria esistenza a seguito di una cocente delusione legata al mancato superamento di un concorso, prestando assistenza morale e materiale nelle fasi preparatorie ed esecutive dell’atto finale, coadiuvando la vittima nel realizzare le ultime volontà in relazione alle persone a cui dire addio, accompagnandola nel luogo prescelto per il suicidio, rimanendo sul posto fino al compimento del gesto estremo e dandogli materiale aiuto nella relativa esecuzione, rafforzava e comunque agevolava l'esecuzione del proposito di suicidio attuato da La Mendola attraverso l’esplosione di un colpo di pistola alla tempia sinistra, in conseguenza del quale riportava gravi lesioni cranio-encefaliche che ne determinavano il decesso".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ha aiutato l'amico a suicidarsi", la procura dei minori ne chiede il processo

AgrigentoNotizie è in caricamento