rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
0 °
Cronaca Grotte

Anche Grotte si stringe al popolo Ucraino, consegnata al sindaco la “Carta di Firenze” per la pace

L’iniziativa è stata promossa da Don Rosario Bellavia, parroco della chiesa del Carmelo, che ha invitato i giovani del catechismo delle elementari, delle medie e dell'oratorio “Rosario Livatino” a pregare tutti insieme per la fine del conflitto

Una domenica diversa per la comunità grottese che si è ritrovata a pregare e a stringersi al popolo Ucraino, per dare un piccolo contributo, da un piccolo paesino dell'entroterra agrigentino, per scuotere le coscienze di chi sta permettendo una "guerra assurda".

In piazza Umberto I si è levato un forte grido per la pace su iniziativa di Don Rosario Bellavia, parroco della chiesa del Carmelo, che ha invitato i giovani del catechismo delle elementari, delle medie e dell'oratorio "Rosario Livatino" a chiedere la fine del conflitto.

All' iniziativa hanno partecipato il sindaco Alfonso Provvidenza, il vicesindaco Roberta Di Salvo e Giuseppe Cipolla. La manifestazione è stata coordinata da Ignazio Infantino. Don Rosario Bellavia, dopo un accorato appello alla pace, ha consegnato al sindaco Provvidenza " La Carta di Firenze": un documento sottoscritto da vescovi e sindaci del Mediterraneo per la Pace. Presente alla manifestazione la signora Antonina di origine Ucraina e sposata a Grotte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anche Grotte si stringe al popolo Ucraino, consegnata al sindaco la “Carta di Firenze” per la pace

AgrigentoNotizie è in caricamento