rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024

Sogna di fare l'ambasciatrice e compie un gesto di pace, Carla noleggia pullman per portare in salvo 50 ucraini

L'autobus partirà da Favara e, nel viaggio di andata, dovrà essere pieno di aiuti per i centri di accoglienza allestiti sul confine romeno

In poco meno di 48 ore il sogno di Carla è diventato realtà, la raccolta fondi lanciata sulla piattaforma GoFundMe ha innescato una gara di solidarietà che ha permesso di raggiungere l'obbiettivo degli ottomila euro necessari per il noleggio di un pullman.

L'autobus partirà da Favara per raggiungere il confine ucraino per portare in Italia cinquanta profughi. “Carla da grande vuole fare l'ambasciatrice– dice, ai microfoni di AgrigentoNotizie la mamma, Florinda Saieva – e mi ha detto che può iniziare a farlo da adesso con questa azione perchè essere ambasciatori significa anche portare pace e questo è un grande gesto di pace”.

Carla, dalla Francia dove studia, segue a distanza la sua prima azione “diplomatica” che materialmente sarà coordinata dalla mamma Florinda e dal papà Andrea Bartoli, la coppia che a Favara ha fondato “Farm Cultural Park”.

Accoglienza dei profughi ucraini, adolescente raccoglie 10 mila euro in due giorni

L'autobus che partirà da Favara non appena tutte le incombenze burocratiche saranno complete, arriverà fino al confine romeno con l'Ucraina dove, 50 profughi avranno la possibilità di salire a bordo, partire alla volta della Sicilia ed essere ospitati in un una struttura idonea. Trasferimento quest'ultimo che deve però necessariamente essere autorizzato dalle istituzioni italiane e romene.

La raccolta fondi lanciata da Carla continua perchè anche per il viaggio di andata il pullman dovrà essere senza passeggeri ma pieno di aiuti che gli organizzatori della missione umanitaria acquisteranno per inviarli nei centri di accoglienza allestiti sul confine romeno.

Florinda Saieva, sull'accoglienza delle donne e dei bambini in fuga dalla guerra lancia un appello alle organizzazioni e alle istituzioni che hanno immobili idonei all'ospitalità di aderire all'iniziativa e di collaborare nell'organizzazione della missione benefica. Al momento, sono due i comuni che avrebbero espresso la disponibilità ad accogliere i profughi in abitazioni di loro proprietà e sono Bivona nell'agrigentino e Mazzarino in provincia di Caltanissetta.

Per quanti volessero contribuire la raccolta lanciata da Carla è raggiungibile al link https://gf.me/v/c/gfm/un-autobus-per-lukraina

Video popolari

AgrigentoNotizie è in caricamento