"Truffò mezza provincia vendendo polizze false", assicuratore salvato dalla prescrizione

Cancellata in appello la condanna a un anno e otto mesi inflitta a Fortunato Cannella, 44 anni, di Grotte

foto ARCHIVIO

La depenalizzazione lo aveva salvato già in primo grado perché le accuse di “uso di atto falso” non erano più punibili in base a una recente legge entrata in vigore durante il processo, nel 2016. In appello ci ha pensato la prescrizione a cancellare il resto delle accuse. Nemmeno un giorno di reclusione per Per Fortunato Cannella, 44 anni, di Grotte, colpevole – secondo quanto hanno accertato due gradi di giudizio – di avere truffato mezza provincia di Agrigento, vendendo polizze fasulle, e avere fatto perdere le sue tracce.

I giudici della seconda sezione penale della Corte di appello di Palermo, ai quali si è rivolto il difensore, l’avvocato Salvatore Pennica, hanno cancellato la condanna a un anno e otto mesi di reclusione che gli aveva inflitto, l’8 marzo dell’anno scorso, il giudice monocratico di Agrigento, Giancarlo Caruso. I capi di imputazione di truffa, appropriazione indebita e sostituzione di persona sono stati cancellati dal decorso del tempo. Per le presunte vittime resta solo, come tentativo di ottenere il risarcimento, la strada del ricorso civile.

La sentenza, infatti, conferma le statuizioni di natura civilistica. Cannella, cinque anni fa era sparito dopo avere - sostiene l’accusa - truffato un centinaio di amici, parenti e compaesani. Per mesi avrebbe fatto sottoscrivere delle polizze emesse dall’assicurazione di cui era capo settore salvo poi tenere per sé i soldi e non versare un euro alla compagnia per cui lavorava che era all’oscuro di tutto e che, anzi, gli aveva dato un incarico di rilievo perché si era rivelato competente e produttivo. Lo stratagemma gli avrebbe fruttato poco meno di un milione di euro di cui non c’è traccia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Braccati dai carabinieri dopo la rapina alla banca Sant'Angelo: fermati 2 palermitani e un sabettese

  • Il colpo in banca da oltre 50mila euro, la banda dal gip: uno dei banditi aveva distintivo dei carabinieri

  • "Intascava i soldi delle carte di identità elettroniche", arrestato impiegato comunale

  • Vede l'auto in fiamme, si precipita in strada e viene accoltellato: un arresto

  • Grande Fratello vip, l'empedoclina Clizia Incorvaia al centro del gossip

  • Coltello alla mano si scaglia contro la moglie e la colpisce alla tempia: 58enne arrestato per tentato omicidio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento