"Calci alla pancia della moglie incinta", 41enne a giudizio: sarà sentita pure la vittima

Rito abbreviato, con due condizioni, per l'uomo finito agli arresti domiciliari con l'accusa di maltrattamenti e stalking

Giudizio abbreviato con la condizione di sentire due testi: innanzitutto la presunta vittima, poi un conoscente dell'imputato citato dalla difesa.  L’udienza preliminare, davanti al giudice Stefano Zammuto, è iniziata ieri mattina. Il processo è quello a carico di un quarantunenne di Grotte, finito nei mesi scorsi agli arresti domiciliari e tuttora sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di dimora con divieto di avvicinamento, che rischia adesso un rinvio a giudizio per le accuse di maltrattamenti e stalking.

La trentaseienne, presunta vittima delle violenze, si è costituita parte civile con l’assistenza dell’avvocato Gianfranco Pilato. La donna, sostiene l’accusa, sarebbe stata maltrattata dal novembre del 2016 all'aprile del 2018. Le minacce, in diverse circostanze sarebbero state finalizzate a costringerla ad abortire. L’episodio più grave sarebbe consistito in una violenta aggressione commessa nel febbraio del 2018: la donna sarebbe stata scaraventata a terra, mentre teneva il figlio di un anno in braccio, e colpita con un calcio nello stomaco nonostante fosse incinta. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Incidente fra auto e moto, 3 feriti: uno è grave e l'altro era senza patente

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento