Lunedì, 26 Luglio 2021
Cronaca

Grotte non è più Covid-free: tampone positivo per 50enne ricoverato al "San Giovanni di Dio"

Il sindaco: "Raccomando il rispetto di tutte le misure precauzionali: uso mascherine, distanza interpersonale". Il collega di Racalmuto: "Vista la vicinanza e i rapporti fra le due comunità, il rischio di contagio è alto. State attenti"

(foto archivio)

E' sempre stato Covid-free. Da quando è scoppiata l'emergenza sanitaria, il piccolo paese di Grotte è rimasto sempre senza contagi. Adesso, però, purtroppo, non è più così. Anche a Grotte è, infatti, arrivato l'esito - positivo - di un tampone rino-faringeo.

Il contagiato è un cinquantenne che risulta essere ricoverato, ma per un'altra improvvisa patologia, all'ospedale "San Giovanni di Dio" di Agrigento. L'uomo è finito al pronto soccorso della struttura di contrada Consolida, nel capoluogo, perché stava male. Sottoposto a tampone rino-faringeo, l'esito ha confermato che aveva contratto il virus.  

"C'è un contagiato - ha confermato il sindaco Alfonso Provvidenza - . Sono in atto tutte le misure di sicurezza previste dai protocolli sanitari. Invito tutta la popolazione alla massima cautela e al rispetto - ha lanciato un appello l'amministratore - di tutte le misure precauzionali: uso mascherine, distanza interpersonale". A Grotte si stanno, dunque, cercando i possibili contatti diretti del cinquantenne. 

"Abbiamo rintracciato tutti i familiari e i contatti del nostro concittadino e per loro inizierà il periodo di isolamento fiduciario - ha spiegato il sindaco di Grotte - . Vi invito ad evitare inutili allarmismi, non è certamente un caso di importazione. No ad allarmismi perché la situazione è sotto controllo, però massima cautela perché non solo a Grotte, ma anche nei paesi dell'Agrigentino, il virus circola. Confermo che le iniziative in programma ci saranno, nel rispetto di tutte le misure di sicurezza. Tornerà ad aprire anche l'asilo nido. Aumenteranno i controlli e inviteremo, soprattutto nei locali, all'uso della mascherina e al distanziamento, ma state tranquilli. Auguri al nostro concittadino di pronta guarigione".  

Sta male e va in ospedale: 70enne positiva al Coronavirus trasferita da Licata al "San Giovanni di Dio"

I timori per possibili contagi si sono - inevitabilmente, visto che le due comunità sono praticamente intersecate, - diffusi anche a Racalmuto. A richiamare tutti alla prudenza, dunque, anche il sindaco di Racalmuto Vincenzo Maniglia: "Vista la vicinanza e i rapporti fra le due comunità, il rischio di contagio nel nostro paese è alto, pertanto raccomando, ora più che mai, - ha scritto Maniglia - la necessità di usare tutte le misure di precauzione anti-Covid19. Ad oggi, a Racalmuto, non ci sono casi di Coronavirus".

Nella cosiddetta "zona grigia" dell'ospedale "San Giovanni di Dio", al momento, risultano ricoverati due positivi al Coronavirus: una settantenne di Licata e il cinquantenne di Grotte. Entrambi, va chiarito, si trovano in ospedale per altre patologie. 

(Aggiornato alle ore 16,15)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grotte non è più Covid-free: tampone positivo per 50enne ricoverato al "San Giovanni di Dio"

AgrigentoNotizie è in caricamento