Cronaca Grotte

Grotte, l'omicidio del tabaccaio: il fratello reo confesso trasferito all'ospedale psichiatrico giudiziario

Il 64enne Pietro Chiarenza, in occasione dell'incidente probatorio, è stato ritenuto dal perito totalmente incapace di intendere e volere

Pietro Chiarenza, il sessantaquattrenne di Grotte, reo confesso dell'omicidio del fratello Roberto, 56 anni, giudicato totalmente incapace di intendere e volere in seguito a una perizia, lascia il carcere e viene trasferito all’ospedale psichiatrico giudiziario di Barcellona Pozzo di Gotto.

Il ricovero è stato deciso dopo che lo psichiatra Leonardo Giordano, su incarico del gip Francesco Provenzano, nell'ambito dell'incidente probatorio, ha visitato Chiarenza e ha escluso del tutto la sua capacità di intendere e volere, aggiungendo che si tratta di una persona socialmente pericolosa.

Il processo, tuttavia, i cui esiti assolutori sono scontati alla luce della perizia, si farà perchè il perito ha ritenuto che l'indagato fosse capace di parteciparvi.

La perizia è stata disposta su richiesta del pubblico ministero Cecilia Baravelli. Pure il difensore dell'indagato - l'avvocato Loretta Severino - ha nominato un proprio consulente di parte. Il 4 giugno, in aula, davanti al gip, sono stati riferiti gli esiti della relazione nell'ambito dell'incidente probatorio. L'omicidio è avvenuto la mattina dell'8 aprile, giorno del mercoledì santo. Roberto Chiarenza sarebbe stato colpito con delle coltellate prima allo stomaco, poi al collo in tre distinte fasi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grotte, l'omicidio del tabaccaio: il fratello reo confesso trasferito all'ospedale psichiatrico giudiziario

AgrigentoNotizie è in caricamento