menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Robertì, mi hai buttato le pillole": spuntano video dei litigi in strada prima dell'omicidio

Pietro Chiarenza, il 64enne fermato con l'accusa di avere sgozzato il fratello, per strada pronunciava frasi deliranti: il sospetto di problemi psichiatrici dietro il gesto

"Robertì, mi ittasti i pinnuli". Questa e altre frasi sconnesse, pronunciate per strada dal presunto omicida, il sessantaquattrenne Pietro Chiarenza, rivolgendosi al fratello di otto anni più giovane, prima di ucciderlo a coltellate, mercoledì mattina, sono state immortalate in alcuni video diventati virali e finiti agli atti dell'inchiesta coordinata dal procuratore Luigi Patronaggio e dal pm Cecilia Baravelli.

L'autore (o l'autrice) del video, a distanza di alcuni metri, sembra avere attivato una videochiamata con un'amica per condividere la scena bizzarra e ride, facendo attenzione a non farsi sentire da Pietro Chiarenza che, sotto casa, si rivolge al fratello Roberto, non inquadrato, e - senza toni particolarmente esagitati - litiga col tabaccaio e gli imputa di avere buttato delle pillole.

Poi un'altra frase priva di significato: "Mi ittasti u fil di ferro na cucchiareddra". La traduzione più accreditata è che il fratello Pietro gli avrebbe messo, a suo dire, del fil di ferro nel cucchiaio. 

L'autore del video ride per la scena bizzarra non sapendo quello che sarebbe successo da lì a breve. Il video è diventato virale. Non è chiaro quando, con certezza, sia stato girato anche se l'abbigliamento del presunto omicida è lo stesso di quando è stato fermato dai carabinieri. Di conseguenza è verosimile che potrebbe risalire alla sera prima. 

L'indagine, in un secondo momento, è destinata a concentrarsi anche sulle capacità mentali dell'indagato. La vittima era stata dichiarata incapace di intendere e volere con una perizia psichiatrica eseguita nell'ambito di un processo per stalking per il quale, quattro anni prima, era stato pure arrestato. La personalità del fratello Pietro, che per ore ai carabinieri che lo hanno fermato, ha pronunciato frasi prive di senso, sarà vagliata dagli inquirenti. 

Intanto, domani mattina, davanti al gip Francesco Provenzano, si terrà l'udienza di convalida del fermo e, a seguire, l'autopsia. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento