menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Medico derubato in casa da banda con finta donna incinta, prescrizione a un passo per colpa del....Covid

Per concluderlo erano state fissate udienze ravvicinate ed era stata allertata l'Interpol per rintracciare i testimoni

Un testimone era stato rintracciato in Germania ed era stato individuato pure l'indirizzo, l'altro si trova in Romania ma non si sapeva dove con precisione, uno era a Canicattì e del quarto non vi era traccia. Ogni sforzo investigativo, a distanza di tanti anni, fatto di recente per scongiurare la prescrizione è ormai spazzato via dall’emergenza legata al Coronavorus.

Per concluderlo e scongiurare il rischio che la prescrizione cancellasse le accuse nei confronti dei quattro imputati, il giudice monocratico Alessandro Quattrocchi aveva fissato udienze ravvicinate e disposto persino ricerche internazionali dei testimoni a mezzo di Interpol. La situazione, in parte, si era sbloccata ma il nuovo rinvio di questa mattina, necessario per la pandemia che ha fermato il mondo e pure i processi, rischia di rendere tutto inutile.

Il processo è quello a carico di quattro imputati accusati di avere adescato un anziano medico di Grotte con la scusa che una di loro era incinta per derubarlo del portafogli che conteneva quasi 400 euro. I presunti componenti della banda di ladri, accusati di avere commesso il furto in casa del professionista, considerato che i fatti risalgono al 13 giugno del 2011, anche qualora dovesse essere accertata la loro responsabilità, potrebbero uscirne indenni per effetto della prescrizione. Oggi il giudice ha disposto un rinvio al 24 giugno.

I termini sono stati sospesi ma saranno, comunque, soggetti a un termine massimo che è ormai pressochè impossibile da non superare. Tre testimoni (la badante, il figlio e una vicina di casa della vittima), peraltro, non si trovano e neppure l’anziano può testimoniare visto che, nelle lungaggini della giustizia, è morto. Sotto accusa Giuseppe Matina, 49 anni, Amedeo Restivo, 26 anni, Gianluca Stagno, 29 anni e Jenny Ehing, 26 anni. Gli imputati hanno nominato come difensori gli avvocati Daniele Re, Gianfranco Pilato, Ninni Giardina e Angelo Benvenuto. Dei quattro testi, uno è stato rintracciato nella vicina Canicattì: per lui il giudice aveva disposto l'accompagnamento coattivo in tribunale per questa mattina ma è saltato tutto. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccinazione Covid, parte il servizio di prenotazione con Postamat

Attualità

Rifacimento della via Archeologica, consegnati i lavori

Attualità

Solidarietà, via al progetto: "In Strada con i senza... niente"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento