Giovedì, 18 Luglio 2024
Tribunale / Grotte

"Si lasciano prima delle nozze e il mancato marito fa sparire i mobili comprati dalla donna": a giudizio

Il gip ha respinto la richiesta di archiviazione e disposto l'imputazione coatta

Salta il matrimonio e l'ormai ex fidanzato si appropria di tutti i beni e gli arredi, acquistati dalla mancata moglie e destinati a quella che doveva essere la casa coniugale.

Il gip del tribunale di Agrigento, Iacopo Mazzullo, ha respinto la richiesta di archiviazione del pubblico ministero Gloria Andreoli e disposto l'imputazione coatta, per l'accusa di appropriazione indebita, nei confronti di un uomo di Grotte.

La coppia, dopo anni di fidanzamento, aveva deciso di andare a vivere nell'abitazione dove il grottese viveva in affitto. La donna, quindi, in vista del matrimonio avrebbe acquistato numerosi mobili collocandoli nella futura abitazione comune.

Dopo l'annullamento delle nozze, quindi, secondo la ricostruzione dell'episodio, avrebbe provato, con il supporto di un legale, a riprenderseli senza riuscirci per l'opposizione dell'ex fidanzato che, anzi, trasloca facendo sparire tutto.

Il magistrato della procura, per due volte, ha chiesto l'archiviazione sostenendo che la querela era stata presentata tardivamente e che si trattava, in ogni caso, di una vicenda civilistica.

Il difensore della donna, l'avvocato Sergio Baldacchino, si è opposto e il giudice ha disposto l'imputazione coatta ovvero ha ordinato al pm di chiedere il rinvio a giudizio. La vicenda, quindi, approderà presto in aula. 

AgrigentoNotizie è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Si lasciano prima delle nozze e il mancato marito fa sparire i mobili comprati dalla donna": a giudizio
AgrigentoNotizie è in caricamento