rotate-mobile
Cronaca

Centinaia di green pass scaricabili online: è allarme privacy, indaga la Guardia di finanza

Al centro dell'inchiesta un file contenente centinaia di QR con annessi dati sanitari e personali, disponibili e scaricabili da chiunque la riceva

Il Garante per la Privacy ha avviato un'indagine dopo la scoperta di centinaia di Green Pass scaricabili liberamente da una cartella diffusa tramite piattaforme di filesharing e in quegli anfratti oscuri e nascosti della Rete in cui è possibile acquistare beni e servizi molto spesso illegali.

Si tratta, ha spiegato il Garante, di certificazioni verdi apparentemente autentiche, disponibili e scaricabili da chiunque "con il serio rischio che possano essere manipolati o commercializzati. Considerata la gravità e la pericolosità di questa illecita diffusione di dati personali particolarmente delicati, il Garante per la protezione dei dati personali ha avviato d'urgenza un'indagine per accertare le modalità con le quali questi dati siano finiti in rete".

Le indagini sono affidate al Nucleo Speciale Tutela Privacy e Frodi tecnologiche della Guardia di Finanza, cui è stato dato incarico di acquisire gli archivi online e accertarne la provenienza. Se fosse confermato che si tratta di veri Green Pass diventa infatti indispensabile capire chi li abbia diffusi in Rete e avviare una serie di verifiche finalizzate a capire chi li stia utilizzando: l'ipotesi è che qualcuno sia riuscito a mettere le mani sui QR Code di certificazioni autentiche per diffonderli e consentire a chi non ne è in possesso di scaricarli e usarli per andare al ristorante, al cinema, a un concerto e in tutti quei luoghi in cui è richiesto il Green Pass.

Una fuga di dati in piena regola oltre che una violazione della privacy, visto che con il QR vengono diffusi anche i dati personali e sanitari di decine di persone all'oscuro del fatto che la propria certificazione sia stata trafugata.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centinaia di green pass scaricabili online: è allarme privacy, indaga la Guardia di finanza

AgrigentoNotizie è in caricamento