Cronaca

Green pass, circola su internet una certificazione "fake": ecco cosa serve sapere

Qualcuno, non si capisce se in buona o mala fede, ha messo on line la scansione di un modello che però non è quello previsto dalla legge

Da quando il "green pass" è diventato necessario per accedere a tutti i locali al chiuso e alle manifestazioni pubbliche è diventato certamente la certificazione più ambita.

Per questo non poteva mancare qualcuno convinto (in buona fede o meno non è chiaro) che fosse possibile risolvere tutto con un "tarocco" in piena regola. Da alcuni giorni, infatti, circolano in rete, dei modelli prestampati di autodichiarazione dal titolo inequivocabile: "Documento sostitutivo della certificazione verde". Peccato che lo stesso non risponda alle direttive di legge previste dal Ministero della Salute.

Il modulo sarebbe stato stampato e utilizzato da diverse persone nel tentativo di utilizzarlo al posto di quello rilasciato dallo Stato che è possibile scaricare su internet attraverso app come "Immuni" o "Io" o che è possibile ottenere dai medici che effettuano le vaccinazioni.

Infatti una certificazione effettivamente efficace deve contenere: i dati identificativi del vaccinato; la dicitura "soggetto esente da vaccinazione anti Sars-Cov2. Certificazione valida per consentire l’accesso ai servizi e attività di cui al comma 1, art.3 del decreto legge 23 luglio 2021, n.105";  la data di fine di validità della certificazione, utilizzando la seguente dicitura: “certificazione valida fino al”; dati relativi al servizio vaccinale dell'azienda ed enti del servizio sanitario regionale in cui opera come vaccinatore Covid-19;  timbro e firma del medico certificatore (anche digitale) e numero di iscrizione all’ordine o codice fiscale del medico certificatore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Green pass, circola su internet una certificazione "fake": ecco cosa serve sapere

AgrigentoNotizie è in caricamento