rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca

«Tentata circonvenzione di incapace», agrigentino processato a Belluno

I fatti contestati sarebbero avvenuti il 20 dicembre 2013 quando, in concorso con un altra persona non identificata, abusando della patologia autistica da cui il malcapitato era affetto, lo avrebbe spinto ad andare al bancomat promettendogli in cambio cartoline di nessun valore

E' con l'accusa di tentata circonvenzione di incapace che Giuseppe Sorintano, 40enne della provincia di Agrigento, sarà processato a Belluno.

Secondo quanto riportato da alcune testate locali, mentre chiedeva soldi in centro città, avrebbe indotto un disabile a prelevare 50 euro al bancomat per farseli consegnare.

I fatti contestati sarebbero avvenuti il 20 dicembre 2013 quando Sorintano, in concorso con un altra persona non identificata, abusando della patologia autistica da cui il malcapitato era affetto, lo avrebbe spinto ad andare al bancomat promettendogli in cambio cartoline di nessun valore.

Il disabile incontrò però una conoscente che è intervenuta chiamando i carabinieri. I militari hanno segnalato il fatto alla Procura e al termine delle indagini è stato disposto il rinvio a giudizio per l'agrigentino.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Tentata circonvenzione di incapace», agrigentino processato a Belluno

AgrigentoNotizie è in caricamento