menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giuseppe Lena

Giuseppe Lena

Studente universitario morto in palestra, 3 condanne per omicidio colposo

Giuseppe era un grande appassionato di arti marziali. Dopo il colpo ricevuto in testa era entrato in coma e morì dopo tre giorni di agonia senza mai riprendere conoscenza

Tre condanne per omicidio colposo. La sentenza è stata emessa dal giudice monocratico di Palermo, Sergio Ziino. L'inchiesta è quella sulla morte, nel dicembre del 2013, di Giuseppe Lena, uno studente di appena 21 anni, originario di Cammarata.   

Giuseppe Chiarello, 45 anni e Roberto Lanza, 33 anni, i due compagni di allenamento di Lena, sono stati condannati a due anni e due mesi di carcere ciascuno, mentre Giuseppe Di Paola, 64 anni, proprietario della palestra 'Harmony body system' di via Stazzone, è stato condannato a due anni e mezzo di reclusione. In un primo momento, i compagni di palestra avevano detto che Giuseppe Lena si era sentito male durante l'allenamento. Ma il medico legale, dopo l'autopsia, aveva scoperto che, in realtà, il giovane era stato colpito con violenza alla testa.

Giuseppe era un grande appassionato di arti marziali. Dopo il colpo ricevuto in testa era entrato in coma e morì dopo tre giorni di agonia senza mai riprendere conoscenza. "Un malore" dopo la seduta di allenamento di 'Mma', Mixed martial arts, avevano detto in palestra. Ma quel 13 dicembre di sette anni fa Giuseppe venne colpito alla testa durante l'allenamento. Un colpo ricevuto dalla persona con cui stava combattendo. Sulla cartella clinica era riportata la diagnosi di "danno ipossico-ischemico emorragico", causato proprio dal trauma cranico. L'autopsia, eseguita dal professor Paolo Procaccianti, aveva 
parlato di "forte trauma cranico".

La Procura, guidata prima dall'aggiunto Maurizio Scalia e poi da Claudio Corselli con la pm Ilaria Somma andò a fondo della vicenda e  scoprì che non era stato un malore a uccidere il giovane Giuseppe. Ma un forte colpo alla testa. "Ci sono voluti sette lunghi anni per avere una sentenza...", dice adesso la madre di Giuseppe, Tonini Di Grigoli, avvocato, che con il marito Franco Lena, non ha mai perso una sola  udienza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento