rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Droga

Giro di cocaina e hashish in città, trentasettenne condannato a "lavorare"

L'inchiesta, nel marzo del 2018, ha fatto scattare alcuni arresti nella "Agrigento bene": il giudice converte la pena di 16 mesi

Un anno e quattro mesi di reclusione per l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di hashish: il giudice per l'udienza preliminare di Agrigento, Giuseppe Miceli, converte la pena in lavori di pubblica utilità per il trentasettenne Pietro Fratacci, 37 anni, di Porto Empedocle, coinvolto nel 2018 in un'inchiesta della procura su un giro di droga nella "Agrigento bene".

L'operazione, il 13 marzo di cinque anni fa, ha fatto scattare tre arresti.

Blitz dei carabinieri: tre arresti per droga

Il filone principale dell'inchiesta ha portato al sequestro di dieci grammi di cocaina, cinquanta di marijuana e oltre centoventi di hashish. In tre sono stati arrestati fra cui i gestori di un ristorante e un bar.

Fratacci è stato coinvolto in un secondo momento e non è stato sottoposto ad alcuna misura cautelare. Il suo legale Davide Casà ha chiesto il giudizio abbreviato: la pena, già ridotta di un terzo per il rito alternativo, è ulteriormente contenuta perché i fatti, come sostenuto dalla difesa,  sono stati qualificati come episodi di "lieve entità".

Il pubblico ministero Salvatore Vella, invece, aveva chiesto la condanna a 4 anni. 

"Giro di droga nella Agrigento bene": l'inchiesta si allarga

L’operazione dei carabinieri è partita dall’abitazione di un noto ristoratore cittadino. È lì che i militari vanno a “botta sicura” convinti, sulla base di una precedente attività investigativa, che avrebbero trovato della droga nascosta nella camera da letto. L’operazione continua per tutta la notte, con perquisizioni anche nelle altre abitazioni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giro di cocaina e hashish in città, trentasettenne condannato a "lavorare"

AgrigentoNotizie è in caricamento