rotate-mobile
Domenica, 25 Settembre 2022
Cronaca

Il Giro d'Italia omaggia la Valle del Belice e il dramma di 50 anni fa

Era il 1965 quando la carovana arrivava per la prima volta ad Agrigento. E vi è ritornato nel 1193 e nel 2008

Il Giro d'Italia, oggi, in quella che è la quinta tappa, renderà omaggio alla Valle del Belice, ai suoi abitanti e alla tragedia di 50 anni fa. Un terremoto che provocò 370 morti e oltre 70 mila sfollati. 

Il Giro d'Italia torna ad Agrigento, che sarà il luogo dello start. Era il 1965 quando la carovana vi arrivava per la prima volta. E vi è ritornato nel 1193 e nel 2008. La carovana, dopo essersi lasciata alle spalle la città dei Templi, attraverserà Porto Empedocle e si dirigerà verso Sciacca dove passerà nel centro cittadino. Da Menfi si entrerà nella Valle del Belice: Santa Margherita del Belice, Montevago, Partanna, Poggioreale Vecchia. Il finale della tappa a Santa Ninfa, dove il Giro d'Italia arriva per la prima volta.

Dettagli tecnici 

Tappa pianeggiante lungo la costa nella prima parte che si svolge lungo la statale 115, salvo l’attraversamento cittadino piuttosto articolato di Sciacca. La seconda parte, interamente nella valle del Belice, è invece molto articolata e caratterizzata da alcune salite lunghe, ma di blanda pendenza classificate GPM. La seconda parte presenta tratti a carreggiata ristretta e talvolta con manto strade molto usurato. Ultimi km: finale in discesa leggera fino ai 2200 m dove svoltato a destra si percorre uno strappo di circa 1200 m con pendenze fino al 12%. Ultimo km dapprima in leggera discesa e in seguito sempre in leggera salita. Retta finale di 250 m su asfalto larga 7.5 m.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Giro d'Italia omaggia la Valle del Belice e il dramma di 50 anni fa

AgrigentoNotizie è in caricamento