"Giro di furti per 100 mila euro", custodia in carcere per i tre fermati

Nell'abitazione degli indagati, il cui fermo è stato convalidato dal gip, sono stati trovati gioielli e denaro contante per 40mila euro

foto ARCHIVIO

Il gip di Sciacca, Rosario Di Gioia, ha convalidato il fermo e disposto la custodia cautelare in carcere per i tre giovani romeni fermati nei giorni scorsi dai carabinieri che, nelle loro abitazioni, hanno scoperto soldi e gioielli rubati per un valore di oltre 100mila euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Custodivano un tesoro in casa", scattano tre fermi

Nel corso di una serie di controlli mirati è stata fermata un’auto con a bordo i tre romeni - Florian Muraru, 31 anni; Tudor Dan Nita, 18 anni e George Mihaita Paraskiv, 26 anni - che erano in possesso di una collana e alcune posate di argento. Per questo è stato deciso di procedere a delle perquisizioni nelle abitazioni di Ribera dei tre stranieri. E proprio durante queste ispezioni, è stato rinvenuto, nascosto all’interno di un vaso contente del terriccio, un involucro sigillato con la somma di 40.000 euro in banconote ed un contenitore pieno zeppo di oro e gioielli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oltre 750 migranti sbarcati in 48 ore a Lampedusa, Musumeci: "Serve lo stato di emergenza"

  • Ritrovata al Villaggio Mosè la 15enne scomparsa da Palermo a metà giugno

  • Sono in arrivo forti temporali: diramata l'allerta meteo "gialla"

  • Muore stroncato da un infarto, vano l'arrivo dell'elisoccorso

  • Scazzottata all'ex eliporto: due giovani finiscono in ospedale, denunciati

  • Palma sotto choc per la morte di Marchese, il sindaco: "Siamo sgomenti per il brutale omicidio"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento