menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Girgenti Acque, stretta contro gli abusivi e chi non paga le bollette

Istituita una task force con l'incarico di effettuare i distacchi della fornitura idrica agli utenti morosi. L'azienda: "L'obiettivo è quello di pagare tutti per pagare meno"

Pugno duro contro gli allacci abusivi e i cittadini che non pagano. Girgenti Acque ha riorganizzato gli operatori in campo istituendo una task force, composta da circa cento unità lavorative, con l’incarico di effettuare i distacchi della fornitura idrica in tutti i comuni serviti, a quegli utenti che “volutamente” non rispondono ai diversi solleciti per regolarizzare la propria posizione amministrativa e che non pagano, quindi, le bollette per i servizi utilizzati. 

Contestualmente - fa sapere la società - sono stati rafforzati i controlli nel territorio per eliminare il fenomeno degli allacci abusivi e la disuguaglianza tra cittadini adempienti e inadempienti. "Chi non paga le bollette dell’acqua e usufruisce abusivamente del servizio idrico integrato (acqua, fognatura e depurazione) - si legge in una nota - danneggia principalmente l’intera collettività, perché fa pagare l’acqua ed i servizi di fognatura/depurazione di cui gode agli utenti regolari che pagano la bolletta".

"Tutti gli utenti - prosegue la società - vengono messi dalla Girgenti Acque nelle condizioni di regolarizzare la propria posizione contabile. In ogni caso, gli utenti che sono in difficoltà economica, anche temporanea, oltre ad avere la possibilità di attingere agli specifici fondi comunali, vengono tutelati comunque da Girgenti Acque, oltre ogni previsione di legge, con la concessione di dilazioni e comodi piani di rientro. È ormai consolidato il dato che coloro che non pagano le bollette sono utenti benestanti".  

"L’azienda - concludono - non vuole più far gravare sulle tasche dei tanti utenti virtuosi il costo del mancato incasso di coloro che 'rubano' l’acqua e che non pagano le bollette. La morosità e l’abusivismo troppo spesso riguardano condomini e case signorili, ville con piscina e prato inglese, attività commerciali per le quali l’acqua rappresenta materia ad altissimo valore aggiunto. L’obiettivo che si deve perseguire è quello di “pagare tutti per pagare meno”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Coronavirus: è arrivato lo spray nasale che aiuta a proteggersi

Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento