Girgenti Acque, via alle audizioni dinnanzi alla commissione Antimafia

Ascoltati i commissari Venuti e Dell'Aira, il 27 febbraio parlerà il presidente della commissione Ambiente Savarino, poi attesi il presidente dell'Ati e anche qualche socio del gestore

Il deputato regionale Claudio Fava

E' stata una prima interlocuzione, un modo per "scaldare i motori" e iniziare soprattutto ad inquadrare la situazione generale. L'audizione in commissione antimafia dei commissari prefettizi della Girgenti Acque Gervasio Venuti e Giuseppe Massimo Dell'Aira è stata questo: un modo per iniziare ad avere la giusta dimensione del "sistema" e comprendere cosa è stato trovato dai consulenti di Prefettura e Anac quando hanno aperto la "scatoletta di tonno" (per usare una metafora grillina) della contestatissima società oggi colpita da interdittiva.

I Comuni ribelli non ci stanno: "Noi sempre da parte della legge"

E cosa hanno trovato? Innanzitutto pochi soldi. Sicuramente meno di quanti ne servirebbero per far funzionare una macchina ritenuta ipertrofica in termini di personale impegnato, tanto che, era stato già detto in Prefettura durante il confronto con i sindaci, il mantenimento dei livelli occupazionali era giustificabile solo nell'ottica di un ampliamento delle aree gestite.

Konsumer incalza l'Ati: "A quando la nuova forma di gestione del servizio?"

La consegna delle reti dei comuni "ribelli" rimane tra l'altro uno dei primissimi obiettivi, soprattutto per ridurre la spesa dell'acquisto dell'acqua all'ingrosso. I commissari, inoltre, hanno lamentato una scarsa attività di lotta dall'evasione fin qui condotta dalla società. Un insieme di fenomeni che, alla fine, hanno portato il gestore ad una situazione finanziaria allarmante. I commissari, inoltre, hanno spiegato che, pur svolgendo ad oggi la loro funzione in modo pieno, stanno attendendo un po' l'evolversi degli eventi, con la richiesta di sospensione dell'interdittiva che aleggia un po' nell'aria e che sarà decisa solo nei prossimi giorni, probabilmente già lunedì.

Gestione del servizio idrico, Girgenti Acque senza risorse. Dell'Aira: "Obiettivo è salvare posti di lavoro"

Le audizioni in Antimafia, comunque, proseguono. Il 27 febbraio sarà ascoltata la presidente della Commissione Ambiente all'Ars Giusi Savarino che nei mesi scorsi ha approvato un atto sul servizio idrico integrato. L'idea, chiaramente, è di fare fronte comune per andare a fondo fino, sperano i deputati, all'individuazione di eventuali responsabilità di omesso controllo da parte degli organi deputati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • L'incubo deviazione è finito: dopo 2 anni e 2 mesi riapre la galleria Spinasanta

  • Coronavirus, 4 morti fra Campobello, Palma e San Biagio: tornano ad aumentare i contagi

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento