menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I ragazzi insieme al presidente del Consorzio agrigentino per la Legalità e lo Sviluppo, Mariagrazia Brandara

I ragazzi insieme al presidente del Consorzio agrigentino per la Legalità e lo Sviluppo, Mariagrazia Brandara

Naro, giovani in visita al bene confiscato alla mafia di contrada Robadao

Insieme a loro il presidente della cooperativa "Rosario Livatino - Libera terra" Giovanni Lo Iacono, i rappresentanti delle associazioni "Amici di Livatino" e "Tecnopolis" e il presidente del Consorzio agrigentino per la Legalità e lo Sviluppo, Mariagrazia Brandara, che ha donato ai volontari una copia del "Legal game"

 

E' stato un momento di grande importanza simbolica quello vissuto ieri dai giovani volontari presenti in questi giorni presso il bene di contrada Robadao, a Naro, per partecipare ad uno dei campi organizzati dal Pon sicurezza, che hanno avuto la possibilità di visitare l'abitazione di Rosario Livatino, il giudice canicattinese ucciso dalla mafia. 
 
Insieme a loro il presidente della cooperativa "Rosario Livatino – Libera terra" Giovanni Lo Iacono, i rappresentanti delle associazioni "Amici di Livatino" e "Tecnopolis" e il presidente del Consorzio agrigentino per la Legalità e lo Sviluppo, Mariagrazia Brandara, che ha donato ai volontari una copia del "Legal game".
 
"La lotta alla mafia e all'illegalità - spiega Brandara - passa anche da iniziative di questo tipo, che possiedono un altissimo valore simbolico ed emozionale. Vivere queste esperienze da parte dei più giovani consente loro di creare degli anticorpi che gli consentiranno di affrontare le 'tentazioni' da parte dei nemici della legalità".
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Attualità

"Belt and Road Exibition 2021”, Agrigento presente alla fiera on line

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento