rotate-mobile
Giovedì, 30 Maggio 2024
Giornata di sensibilizzazione / Canicattì

"Denunciare conviene": l'omaggio al panettiere che ha riaperto grazie al fondo di solidarietà

L'imprenditore vittima di usura è riuscito a intraprendere una nuova impresa grazie allo strumento istituito dallo Stato

Stamattina a Canicattì si è svolta la Giornata di sensibilizzazione sull’importanza di denunciare il racket delle estorsioni promossa dall’Associazione antiraket e antiusura "Sos Impresa – Rete per la legalità Aps" in collaborazione con l’amministrazione comunale di Canicattì.

L’iniziativa denominata “Denunciare conviene! La denuncia volano dell’economia territoriale” è stata fortemente voluta dagli organizzatori e sostenuta dal prefetto di Agrigento, Maria Rita Cocciufa e dal commissario nazionale del governo per il coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura, Maria Grazia Nicolò, che hanno evidenziato l’importanza della denuncia degli imprenditori costretti a subire pesanti intimidazioni da parte delle organizzazioni criminali dedite all’usura e alle estorsioni quale possibilità di riscatto e opportunità di rinascita attraverso il supporto dello Stato, che interviene con aiuti concreti per consentire la ripresa delle attività produttive che hanno subito danni materiali ed economici. La giornata si è aperta con un omaggio al cimitero di Canicattì alla memoria dei giudici Rosario Livatino ed Antonino Saetta, successivamente presso il Teatro sociale di quel Comune si è tenuto un convegno.

Al termine del convegno, i partecipanti all’iniziativa si sono spostati presso il panificio dell’imprenditore canicattinese, Diego Danile, che dopo aver cessato la propria attività perché vittima di usura, è riuscito a riaprire la nuova sede commerciale grazie al contributo finanziario ottenuto con il fondo di solidarietà concesso dal ministero dell’Interno.

I prefetti Cocciufa e Nicolò hanno sottolineato il grande risultato raggiunto dall’imprenditore con la riapertura del panificio che "è l’unica realtà in provincia di Agrigento dove la vittima con i soldi del Fondo è riuscita a creare una nuova attività ed è tornata all’economia legale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Denunciare conviene": l'omaggio al panettiere che ha riaperto grazie al fondo di solidarietà

AgrigentoNotizie è in caricamento