menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"No al passaggio del Tre Sorgenti a Girgenti Acque", chiesta audizione all'Ars

Ad avanzare la proposta è il deputato M5S Giovanni Di Caro, soddisfazione ha già manifestato il sindaco Castellino

Vicenda Tre Sorgenti, dopo le dimissioni nei giorni scorsi dell'ex sindaco di Canicattì Corbo dalla presidenza della società e dopo, soprattutto, il rincorrersi di voci che vorrebbero i sindaci pronti a cedere le reti al gestore privato, arriva una richiesta di audizione all'Assemblea regionale siciliana.

Ad annunciarla è stato il deputato Giovanni Caro del Movimento 5 Stelle, il quale ha appunto chiesto al presidente della commissione Ambiente all'Ars, Giusy Savarino, di essere ascoltato sulle problematiche del consorzio acquedottistico. 

"Essendo l'Ati, attualmente, sprovvista di una struttura consortile tale da garantire la gestione delle reti idriche - dice una nota del Comune di Palma di Montechiaro -, per Di Caro è necessario chiarire alcuni aspetti che potrebbero causare la cessione delle reti idriche, di fatto, a Girgenti acque Spa. Per l'audizione, Di Caro ha chiesto la presenza del prefetto di Agrigento, Ciro Caputo, dell'assessore regionale all'energia Pierobon, del Dirigente generale del Dipartimento dell'acqua Cocina oltre ai sindaci che anno parte del Tre Sorgenti, ossia quelli di Palma d Montechiaro, Ravanusa, Campobello di Licata, Licata, Racalmuto, Grotte e Canicattì".

"Devo ringraziare - dice il sindaco palmese, Stefano Castellino -  l'onorevole Di Caro e tutto il M5S per la solerzia con la quale hanno deciso di sostenere la nostra battaglia per il mantenimento dell'acqua pubblica. E' intendimento di questo comune tenere in vita il Consorzio Tre Sorgenti. Secondo il nostro punto di vista potrà operare anche dopo la nascita del Consorzio pubblico provinciale e, che comunque la discussione sul mantenimento o meno dello stesso è da predisporre all'eventuale nascita del Consorzio pubblico. Giova ricordare che il comune palmese ha prodotto istanza formale per il riconoscimento della legge 147 per la gestione diretta per come già avviene in città da tre secoli, dalla nascita del comune del Gattopardo, l'acqua è stata sempre pubblica. Riteniamo che anche con il Consorzio pubblico provinciale - continua Castellino - il Tre Sorgenti possa svolgere un ruolo importante per l'efficientamento ed efficacia del nuovo sistema idrico integrato. Consegnare il Tre Sorgenti a Girgenti acque sarebbe un artifizio visto che stiamo parlando di una società che ha ricevuto l'interdittiva antimafia".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento