rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Cronaca

Dal porticciolo di San Leone alla manutenzione delle strade provinciali: un anno di attività per il Genio Civile

Conferenza di chiusura del 2021 con il bilancio consuntivo. Il capo dell’ufficio Rino La Mendola: “Grazie alle risorse stanziate dalla Regione e alle capacità professionali dei funzionari abbiamo ridotto il rischio idrogeologico nel territorio”

È stato un 2021 intenso e caratterizzato da numerosi interventi nel territorio quello del Genio Civile di Agrigento.

Presentato, nella conferenza stampa di fine anno, il bilancio consuntivo che parla, prima di tutto, di riduzione del rischio idrogeologico. 

Ma anche di tutela della pubblica incolumità, di manutenzione delle strade provinciali fino ad arrivare alla riqualificazione del porticciolo turistico di San Leone e del teatro Samonà di Sciacca.

Per quanto riguarda l’emergenza idrogeologica sono stati 16 gli interventi di pulizia e sistemazione dei corsi d’acqua, con l’obiettivo di ridurre i danni provocati dai nubifragi che hanno pesantemente gravato sul territorio provinciale.

“Durante il 2021 - afferma il capo dell’ufficio Rino La Mendola - grazie alle risorse stanziate dal Governo Musumeci e grazie alle capacità professionali dei funzionari dell’Ufficio, siamo riusciti a portare avanti con successo una serie di attività importanti per ridurre il rischio idrogeologico del nostro territorio, per avviare una indifferibile manutenzione delle strade provinciali e per riqualificare infrastrutture importanti come il porticciolo di San Leone ed opere di architettura di qualità come il teatro Samonà di Sciacca i cui lavori sono stati già appaltati e saranno realizzati nel corso dei primi mesi del prossimo anno. Inoltre, entro i limiti delle risorse disponibili, stiamo intervenendo in regime di somma urgenza, a tutela della pubblica incolumità, per arginare una serie di dissesti idrogeologici come la frana di Siculiana in contrada Cantamatino e per ricostruire gli argini del torrente Baiata Foce di Mezzo in territorio di Sciacca, a seguito degli effetti dei nubifragi dello scorso mese di novembre. Contiamo inoltre di intervenire presto per eliminare il pericolo di crollo massi dal versante a monte della strada statale 118, nei pressi della galleria Spinasanta, al fine di consentire la riapertura”.

Ai lavori per ridurre gli effetti dell’emergenza idrogeologica del territorio provinciale, che hanno impegnato complessivamente risorse per circa 3 milioni di euro, si aggiungono quelli per la manutenzione delle strade provinciali, che il Genio Civile ha avviato nel corso dell’anno, in attuazione ad un accordo istituzionale tra l’assessorato regionale delle Infrastrutture e della Mobilità ed il Libero consorzio dei Comuni agrigentini. In particolare il Genio Civile ha già avviato diversi lavori, che saranno completati nel corso del prossimo anno, per la manutenzione delle seguenti strade provinciali: SP32 Ribera-Cianciana, SP24 Burgio-Lucca Sicula, SP35A Portella di Sciacca-Lucca Sicula, SP35B Lucca Sicula- BivioSS380, SP47 Sant’Anna-Villafranca Sicula, SP88 ( per il collegamento tra la SP36 e la SP47), SP12 Naro-Campobello di Licata e la Strada ex consortile n°11 Calamonaci-Villafranca Sicula.

Sempre nell’ambito delle infrastrutture, nel corso del 2021, il Genio Civile ha redatto il bando e la documentazione di gara per l’affidamento della progettazione esecutiva della strada “Mare Monti” che sarà perfezionato dalla commissione giudicatrice nei prossimi giorni. I professionisti incaricati avranno trecento giorni di tempo per redigere il progetto esecutivo di un’arteria fondamentale per collegare i Comuni dell’entroterra agrigentino del versante dei Monti Sicani alla viabilità principale statale, per un importo complessivo di 123 milioni di euro.

Infine, i corsi d’acqua su cui sono stati già eseguiti i lavori di pulizia e sistemazione, durante il 2021, sono i torrenti Bellapietra e Carabollace (Sciacca), Borraitotto (Favara), Cavarretto (Menfi), Cangemi (Ribera), Saraceno (Cammarata), Rocca Rossa, Fra Paolo (Racalmuto).

I corsi d’acqua per i quali, sempre nel corso del 2021, è stato redatto il progetto esecutivo dei lavori, che saranno eseguiti a partire dal prossimo mese di gennaio, sono i torrenti Cannatello (Agrigento), Fiumevecchio, Della Palma e Mollarella (Licata), Finocchio e Femmina Morta (Menfi), Cansalamone (tratto a monte del ponte omonimo) ed i fiumi Imera Sud (tratto Licata) ed Ipsas (tratto Agrigento e tratto Grotte).

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal porticciolo di San Leone alla manutenzione delle strade provinciali: un anno di attività per il Genio Civile

AgrigentoNotizie è in caricamento