menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto ARCHIVIO)

(foto ARCHIVIO)

Ritrovato nascosto in un casolare il trattore rubato: scattano tre arresti

Oltre ad un bracciante agricolo sono finite nei guai anche due donne. Tutti sono stati indagati per furto aggravato in concorso, due invece per resistenza a pubblico ufficiale: hanno impedito la perquisizione

Sparisce – a Licata - un trattore agricolo cingolato. Poche ore dopo il furto, i carabinieri riescono a ritrovare il mezzo pesante e ad arrestare le tre persone che ce l’avevano nel magazzino. Si tratta di un uomo e due donne. Tutti e tre – inizialmente posti ai domiciliari, su disposizione del sostituto procuratore di turno che è il titolare del fascicolo d’inchiesta aperto, - dovranno, adesso, rispondere dell’ipotesi di reato di furto aggravato in concorso. Due sono stati, invece, indagati in stato di libertà anche per l’ipotesi di reato di resistenza a pubblico ufficiale: avrebbero – stando all’accusa formalizzata in Procura dai militari dell’Arma – provato ad impedire la perquisizione e la verifica, dei carabinieri, all’interno del loro casolare: nelle campagne di Ravanusa.

Dell’immediata attività investigativa prima e del controllo nel casolare delle campagne di Ravanusa dopo si sono occupati i carabinieri del paese con il supporto dei colleghi della compagnia di Licata. A finire nei guai sono stati: G. B., 49 anni, bracciante agricolo; L. A., 77 anni, pensionata e G. C. B. di 54 anni.

I carabinieri avevano saputo che ad un agricoltore di Licata era stato rubato un trattore cingolato. Senza perdere tempo, i militari hanno avviato l’attività di ricerca e le indagini per riuscire a ritrovare il mezzo pesante. Difficile, praticamente impossibile, del resto, riuscire a nascondere un trattore. Da Licata, le investigazioni sono arrivate – praticamente immediatamente – nelle campagne di Ravanusa dove i carabinieri del paese, con il supporto dei colleghi della compagnia di Licata, hanno deciso di fare un blitz all’interno di un casolare. Gli investigatori avevano, a quanto pare, subodorato che proprio in quel casolare potesse essere stato nascosto il trattore cingolato. Nel corso dell’attività investigativa, - è stato reso noto dal comando provinciale dell’Arma di Agrigento – i militari hanno raccolto elementi di prova per contestare il furto aggravato in concorso ai tre. Durante la perquisizione e verifica del casolare, due dei tre indagati hanno – stando sempre all’accusa formalizzata - opposto resistenza ai carabinieri e per questo sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Agrigento. Una volta scattato l’arresto, l’uomo e le due donne sono stati inizialmente posti, su disposizione del sostituto procuratore di turno, ai domiciliari.

Il trattore cingolato, dal valore di diverse migliaia di euro, è stato ritrovato, recuperato e restituito – praticamente immediatamente – al legittimo proprietario: all’agricoltore di Licata che, di fatto, aveva temuto il peggio, ossia di non potere più ritrovare il mezzo agricolo. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento