Sabato, 20 Luglio 2024
Cronaca Favara

"Taccheggiava il negozio servendosi della figlia", 45enne torna libera

Il giudice revoca l'obbligo di firma giornaliero nei confronti di Giuseppa Rizzuto, 45 anni, di Favara, arrestata lo scorso 27 luglio

"Alla luce del tempo trascorso e della ridotta gravità del fatto, le esigenze cautelari si possono ritenere venute meno". Il giudice Wilma Angela Mazzara, cinque mesi dopo l'arresto in flagranza per furto, revoca l'obbligo di firma quotidiano nei confronti di Giuseppa Rizzuto, 45 anni, di Favara.

"Ruba in un negozio servendosi della figlia", convalidato arresto

La donna, in particolare, si sarebbe servita della figlia minorenne per rubare alcuni oggetti dal negozio cinese di oggettistica e abbigliamento del centro commerciale Le Rondini di Porto Empedocle. 

La quarantacinquenne, difesa dall'avvocato Gianfranco Pilato, aveva cercato di sminuire il gesto dicendo di averlo commesso in un momento di leggerezza. Ad avvertire la polizia, arrivata dopo pochi minuti, è stato il cassiere del negozio che l'aveva notata mentre cercava di fare sparire alcuni capi di abbigliamento.

A distanza di diversi mesi, prima della conclusione del processo per direttissima, il giudice ha accolto l'istanza della difesa revocando la misura cautelare.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Taccheggiava il negozio servendosi della figlia", 45enne torna libera
AgrigentoNotizie è in caricamento