"Furto di cavi di rame", la polizia blocca e denuncia quattro giovani

Uno è stato deferito alla Procura anche per porto ingiustificato di grimaldelli e arnesi atti allo scasso

Quattro romeni - tre dei quali residenti a Canicattì - sono stati denunciati dalla polizia di Stato di Caltanissetta per furto aggravato in concorso. Per uno è scattata anche la denuncia per violazione del divieto di far ritorno nel comune di Caltanissetta, mentre un altro è stato deferito alla Procura per porto ingiustificato di grimaldelli e arnesi atti allo scasso. A carico dei romeni residenti a Canicattì, inoltre, il questore di Caltanissetta ha emesso il foglio di via obbligatorio con divieto di far ritorno nel Comune Nisseno per tre anni.

A mezzanotte, dopo una segnalazione di auto sospette, avvistate in contrada Pescazzo, due volanti si sono recate in zona. In contrada Pescazzo, nell’ultimo periodo, si sono verificati continui furti di cavi della linea elettrica e telefonica. Furti che hanno causato numerosi guasti e interruzioni dei servizi. Nel corso del pattugliamento, gli agenti hanno raccolto indicazioni da parte di alcuni residenti in merito ai passaggi dell’auto sospetta, con a bordo quattro persone. I poliziotti hanno, inoltre, ben presto costatato l’ammanco di oltre mille e cinquecento metri di linea telefonica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Diramata la nota di ricerca dell’auto, la macchina è stata rintracciata in prossimità dell’ingresso della città. A bordo della vettura gli agenti delle "Volanti" hanno identificato quattro romeni: una donna 32enne, residente a Caltanissetta, e tre uomini: un 20enne, un 28enne e un 30enne, tutti residenti a Canicattì. Dalla perquisizione eseguita sul mezzo, i poliziotti hanno sequestrato una mazza da baseball, quattro paia di guanti da lavoro, una tronchese, una mazzotta e due torce elettriche, materiale inequivocabilmente utilizzato per tranciare i cavi. Gli agenti all’interno di un capanno in lamiera, che si trova nelle immediate vicinanze del luogo del furto, hanno trovato 500 metri di cavi di rame di proprietà della Telecom. Cavi che sono stati, naturalmente, riconsegnati all’azienda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oltre 750 migranti sbarcati in 48 ore a Lampedusa, Musumeci: "Serve lo stato di emergenza"

  • Si erano perse le tracce da una settimana, la favarese Vanessa Licata è stata ritrovata

  • Ritrovata al Villaggio Mosè la 15enne scomparsa da Palermo a metà giugno

  • Muore stroncato da un infarto, vano l'arrivo dell'elisoccorso

  • Scazzottata all'ex eliporto: due giovani finiscono in ospedale, denunciati

  • Gli cade il telefonino, torna indietro e non lo ritrova più: avviate indagini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento