"Rubava l'acqua della condotta pubblica per poi rivenderla", scarcerato

Il Gip ha convalidato l'arresto. A carico del giovane è stata applicata la misura cautelare dell'obbligo di dimora nel territorio comunale

(foto ARCHIVIO)

Ha ammesso i fatti ed ha spiegato che i suoi familiari erano totalmente all'oscuro del furto. E' accaduto durante l'interrogatorio davanti al giudice per le indagini preliminari del tribunale di Agrigento, Alfonso Malato. Il Gip ha convalidato l'arresto ed, accogliendo le tesi degli avvocati di fiducia del ventisettenne: Salvatore Pennica ed Alfonso Neri, ha disposto l'immediata scarcerazione dell'indagato. Al giovane è stata applicata la misura cautelare dell'obbligo di dimora in territorio di Agrigento. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Rubava l'acqua dalla condotta e la rivendeva"

Secondo l'accusa dei carabinieri, che si sono occupati del blitz e dell'arresto del ventisettenne, l'agrigentino, ogni giorno, prelevava - senza alcuna autorizzazione - acqua dalla condotta pubblica che veniva poi rivenduta ai cittadini. L'allaccio abusivo alla rete idrica, che è gestita dalla Girgenti Acque, era stato realizzato in contrada Borsellino, nel quartiere periferico di Montaperto. Assieme al ventisettenne, arrestato e poi appunto scarcerato, risultano indagate altre due persone: due familiari del giovane. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in viale Emporium, auto contro scooter: quattro feriti e un morto

  • Accusa un malore e si accascia, tragedia in città: muore un 35enne

  • La pistola illegale carica trovata nel negozio di Pelonero, tre indagati

  • Coronavirus, l'incubo non è finito: donna positiva al tampone

  • Il Coronavirus spaventa ancora, Musumeci e Razza: "Se contagi salgono si chiude"

  • Migranti si scagliano contro i carabinieri, Carmina: "Solidale con l'Arma, servono strutture adatte"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento