Troppi furti in villa, gli abitanti di Zingarello: "Autorizzateci a montare le telecamere in strada”

I proprietari degli immobili: "Siamo disposti, ancora una volta, a mettere mano al portafogli per garantire una sorveglianza costante della zona"

Alcuni dei proprietari delle villette di Zingarello

Dopo i recenti colpi messi a segno dalla “banda degli infissi” e i numerosi furti in villa subiti, gli abitanti di Zingarello vogliono dotare il quartiere balneare di un impianto di video sorveglianza. La decisone è emersa nel corso di un incontro del comitato di zona.  Gli abitanti hanno accolto la proposta avanzata dall’associazione “Zingarello d’amare”.

"Banda dell'infisso" in azione: razziate cinque villette nel giro di poche ore 

“Da sempre - dicono i responsabili dell’associazione - ci siamo sentiti abbandonati dal Comune che si ricorda di noi solo in occasione della notifica delle bollette dei tributi locali. A nostre spese abbiamo: asfaltato e illuminato le strade. I recenti furti ci preoccupano - spiegano ad AgrigentoNotizie - e consapevoli delle sempre più limitate risorse a disposizione delle forze dell’ordine, siamo disposti, ancora una volta, a mettere mano al portafogli per garantire una sorveglianza costante della zona. Nei prossimi giorni - conclude l’associazione - inoltreremo, agli organi competenti, le dovute richieste di autorizzazione per la realizzazione di un impianto di video sorveglianza da installare in tutte le strade di accesso a Zingarello”.

Troppi furti in villa, vanno a dare un'occhiata alla loro casa: fuggono due ladri 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va a dare da mangiare agli animali e raccogliere verdura: non torna più a casa, 53enne ritrovato morto

  • Transenna della Ztl sull'auto comprata 2 giorni prima: 40enne su tutte le furie

  • "Il direttore mi convocava e mi chiedeva se mio marito era sessualmente all'altezza", racconto choc in aula

  • Incidente sulla statale Agrigento-Raffadali: due feriti in ospedale

  • "Disastro ambientale in via miniera Ciavolotta", imprenditori di mezza provincia l'avevano trasformata in discarica: 44 indagati

  • "Testate all'ex fidanzata per farla abortire", ventunenne rinviato a giudizio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento