rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca San Leone

Furti in villa, i derubati provano a riconoscere la refurtiva: via vai dalla Questura

Qualcuno è certo d’aver riconosciuto – nelle fotografie dei monili distribuite durante la conferenza stampa della polizia di Stato – un paio di orologi e forse anche un bracciale

Tanti chiamano il centralino della Questura. Qualcuno si è già presentato ed ha chiesto come fare per cercare di capire se fra la refurtiva sequestrata c’è anche qualche gioiello che gli appartenga. Qualcun altro è certo, invece, d’aver riconosciuto – nelle fotografie della refurtiva distribuite durante la conferenza stampa della polizia di Stato – un paio di orologi e forse anche un bracciale.

I sospetti del Gip: "Fatto uguale a tanti altri nella zona"

Da almeno un paio di giorni, in Questura, è un vero e proprio via vai di agrigentini. Sono coloro che hanno subito dei furti in abitazione a San Leone e che sperano di poter recuperare qualcosa fra quanto è stato sequestrato dai poliziotti del commissariato “Frontiera” di Porto Empedocle e dagli agenti della Squadra Mobile dopo l’arresto – per tentato furto – di Fabrizio Rizzo, 27 anni, di Agrigento e Roberto Iovine, 53 anni, originario di Napoli ma ufficialmente residente a Montecatini Terme.

La difesa fa ricorso al Riesame 

La sera dell’arresto – lo scorso lunedì, i due vennero “pizzicati” dopo avevano tentato un furto in una villetta di via Degli Ippocastagni a San Leone – i poliziotti, nelle immediate adiacenze dell’abitazione di Rizzo, rinvennero e sequestrarono della refurtiva: orologi, bracciali, collane, orecchini. Subito, un’agrigentina – che aveva subito un furto un paio di giorni prima – riconobbe alcuni suoi monili, tant’è che a carico degli indagati venne contestata anche l’ipotesi di reato di ricettazione. Il vice questore Cesare Castelli, a capo del commissariato “Frontiera” di Porto Empedocle, e il commissario Giovanni Franco, il vice della Squadra Mobile della Questura di Agrigento, resero noto – durante la conferenza stampa – che “soltanto una parte della refurtiva è stata già riconosciuta, ma non è certamente tutto”.

Furti in villa, l'appello alla collaborazione: "Il miglior poliziotto è il vicino di casa" 

Da quel momento, di fatto, gli agrigentini che hanno subito una razzia in casa vogliono provare a vedere se, fra quei monili recuperati, vi sia qualcosa che gli appartenga. Nonostante il doppio arresto, la polizia – in gran silenzio – continua a monitorare e controllare le villette di San Leone e del Villaggio Mosè. Sanno perfettamente – per loro stessa ammissione – i poliziotti che “non è ancora finita”. L’attività investigativa va infatti ancora avanti. 

Furti in villa, recuperato "tesoretto": scatta l'accusa di ricettazione 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furti in villa, i derubati provano a riconoscere la refurtiva: via vai dalla Questura

AgrigentoNotizie è in caricamento