"Furti di corrente pure nella pescheria abusiva", capitano racconta indagini in aula

L'ufficiale Nicolò Morandi ricostruisce al processo i dettagli dell'inchiesta "Alta tensione"

Il capitano Nicolò Morandi

C'era chi faceva da procacciatore di clienti per "arrotondare", chi non si accontentava di evadere tasse e spese legate all'attività e voleva risparmiare pure sull'energia elettrica e chi cercava di entrare nel giro per guadagnare qualcosa visto che era rimasto disoccupato. Il capitano dei carabinieri Nicolò Morandi ha raccontato così, in aula, davanti ai giudici della prima sezione penale, presieduta da Alfonso Malato, i dettagli dell’inchiesta “Alta tensione” che ipotizza l’esistenza di un giro di furti di energia elettrica “tollerati” – sostiene l’accusa – da due ispettori Enel e, in alcuni casi, persino agevolati dagli stessi in cambio, in entrambi i casi, di tangenti. I personaggi chiave dell’indagine sono Giovanni Trupiano, 61 anni di Agrigento, e Domenico La Porta, 64 anni di Naro, ispettori della multinazionale.

“Li abbiamo intercettati a lungo ma – ha detto Morandi -, in alcuni casi, siamo stati costretti a fermarci per non essere scoperti perchè spesso si appartavano in campagna o in luoghi molto isolati”. Gli imputati sono venti. Luigia Vinci, 59 anni, di Canicattì, avrebbe invece fatto da intermediaria e procacciatrice di nuovi clienti per i due verificatori. Nella lista dei venti imputati, ai quali si contestano anche il furto, la truffa e la corruzione, ci sono commercianti, esercenti e professionisti.

Ieri l'ufficiale ha risposto alle domande dei difensori degli imputati e in particolare, fra gli altri, degli avvocati Ignazio Valenza, Nicola Grillo, Calogero Meli, Tanja Castronovo e Aldo Virone. Il capitano ha raccontato i retroscena dell'indagine sui fratelli Tomasso, Massimo e Vincenzo Cortelli Cortelli. "Trupiano al telefono diceva che lavoravano di nascosto, era una pescheria abusiva. All'interno tenevano uno strumento per alterare i consumi". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, traffico di droga e politica: scatta l'operazione "Oro bianco": 12 arresti, ecco i nomi

  • Fiumi di droga, estorsioni, minacce e il "braccetto" con la politica: ecco i dettagli dell'operazione "Oro bianco"

  • Scontro fra due auto nella zona industriale, muore impiegata 62enne

  • Rimorchio si sgancia da tir e travolge auto: due feriti, uno in gravi condizioni

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore (+79 in provincia): la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento