menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Michele Sodano

Michele Sodano

Fumi emessi in contrada Fauci, Sodano incontra l'Arpa: "Ditta non adeguata"

Un dai e vai che dura da troppo tempo. L'onorevole pentastellato ha chiesto anche un intervento immediato

Il pentastellato Michele Sodano ha incontrato i dirigenti dell’Arpa. Il motivo del faccia a faccia è riguarda i fumi emessi dallo stabilimento industriale Fauci di Piano Gatta. “Sono problematiche - ha detto Sodano - che meritano un immediato intervento politico”. Sodano, in una nota, ha voluto puntare il dito anche verso il governo Regionale.

"La Regione Siciliana ha inspiegabilmente scelto di tenere aperti solo quattro laboratori Arpa nelle città di Palermo, Catania, Ragusa e Siracusa. Tutte le rilevazioni effettuate in Provincia di Agrigento devono essere spedite nel laboratorio di Palermo che in alcun modo riesce a dare esiti tempestivi dovendosi occupare, oltre allo stesso territorio di Palermo, anche di quello di Trapani. Ad oggi semplici rilevazioni, come quelle relative all’acqua dei depuratori, che hanno permesso la scoperta dei batteri Escheria Coli, e le conseguenti segnalazioni alle autorità e multe a Girgenti Acque, non possono essere più effettuate perché devono essere svolte nell’arco di poche ore e Palermo non può garantire questo servizio. I funzionari rilevano che aver depotenziato il controllo ambientale di Agrigento impedisce inoltre di effettuare i saggi di tossicità e i monitoraggi delle acque sotterranee".

Sodano ha poi ammesso che: "Voglio farmi portavoce di una grave criticita? che la stessa sezione dell’agenzia regionale per la Protezione Ambientale di Agrigento ha voluto segnalarmi. A partire dal 15 gennaio di quest’anno, la Regione Siciliana e l’Assessorato all’Ambiente hanno letteralmente smantellato il laboratorio di analisi Arpa di Agrigento, un presidio fondamentale che attraverso le proprie funzioni, altamente specializzate, garantiva la possibilita? di effettuare controlli ed esami nel nostro territorio, con esiti immediati e istantaneamente spendibili dalle autorita? giudiziarie. Oggi tutto cio? non e? piu? possibile, il laboratorio, che contiene apparecchiature dal valore milioni di euro, e? fermo, abbandonato a se stesso e tutto il personale competente e? stato, a malincuore, ricollocato". 

Secondo Sodano l'impianto di Piano Gatta "non e? conforme agli standard di produzione del mattone Poroton che in fase di cottura sprigiona importanti quantita? di stirene. Lo stirene, oltre a rendere l’aria maleodorante, e? stato riconosciuto ufficialmente come cancerogeno dal XII rapporto sui cancerogeni, pubblicato il 10 giugno 2011 dal Dipartimento Statunitense di salute, Programma Tossicologico Nazionale. L’assessorato Regionale all’ambiente ha chiesto alla ditta agrigentina per lo stabilimento sito in Contrada Piano Gatta nel Comune di Agrigento, sancisce che l’azienda 'non e? adeguata alla normativa vigente' e pone ben 23 prescrizioni come condizioni per dare una Valutazione d’Impatto Ambientale positiva. Queste prescrizioni comprendono 23 interventi da effettuare allo stabilimento per rispettare le normative ambientali. Risulta che la Ditta, a causa dell’ingente somma da destinare agli interventi di messa in regola, invece di procedere alla regolarizzazione dell’impianto produttivo, abbia fatto ricorso al Tar e, in attesa di giudizio, stia continuando a lavorare, fuori da ogni normativa". 

Nei 23 punti citati da Sodano si punta all’utilizzo di mezzi che rispettino le norme in materia di emissioni. Non solo “si dovrà adottare un sistema di monitoraggio delle acque del torrente interessato agli scarichi. L’obiettivo è quello di scongiurare l’insorgenza di variazioni ambientali”.

"L'Arpa di Agrigento  - dice Sodano - mi ha assicurato che non farà mancare i suoi sforzi per dare seguito alle rilevazioni ambientali. La stessa Arpa chiede, urgentemente, agli uffici di Palermo di inviare il verbale di ispezione effettuato presso la ditta  nel mese di novembre. E’ passato piu? di un mese per redigere un verbale che potrebbe chiarire immediatamente la non idoneita? dell’azienda di produrre i mattoni in Poroton".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La provincia sempre più digitale, rilasciate 100 mila identità Spid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento