Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

Proroga di un solo mese per i contrattisti dell'Asp, Fuliano (Fials): «Serve un commissario ad acta»

Il direttore generale Lucio Ficarra per la Fials «ha omesso la proroga al 31 dicembre prossimo per i lavoratori contrattisti dell’Asp di Agrigento». Motivo per cui il sindacato chiede la nomina di un commissario ad acta che applichi la legge regionale in materia

«Il direttore generale Lucio Ficarra ha omesso la proroga al 31.12.2016 per i lavoratori contrattisti dell’Asp di Agrigento. Chiediamo la nomina di un commissario ad acta».

E' quanto scrive Amedeo Fuliano, vice segretario regionale di Fials, che in una nota spiega che, così come avvenuto nel 2015, si è deciso, anche per il 2016, di «disconoscere le leggi della Regione in materia di lavoratori contrattisti ex Lsu. E cosi, mentre tutte le altre aziende sanitarie provinciali della Sicilia, già dalla fine del 2014, hanno la legge che  dispone che i contratti dei lavoratori che "alla data del 31.12.2013 siano titolari di contratto a tempo determinato o utilizzati in attività socialmente utili", nelle more della stabilizzazione, vanno prorogati sino al 31.12.2016 con decorrenza 01.01.2014, ai contrattisti dell’azienda sanitaria agrigentina è stato riservato un illegittimo quanto intollerabile trattamento discriminatorio». 

Fuliano riferisce come Ficarra con propria deliberazione abbia invece prorogato i contratti per il solo mese di gennaio 2016, «gettando ancora una volta nello sconforto 240 contrattisti e relativi nuclei familiari che hanno vissuto così l’ennesimo Natale nell’incertezza e con lo spettro del più volte minacciato licenziamento. La singolare decisione, unica nel panorama delle aziende sanitarie siciliane - afferma il sindacalista -, è stata “giustificata” con la cavillosa necessità di chiedere all’Assessorato regionale della Famiglia delle politiche sociali e del lavoro di voler confermare anche per il 2016 l’assegnazione delle quote a carico degli stanziamenti regionali destinato al personale contrattista. Una richiesta, quella fatta dall’Asp di Agrigento, posta in essere con “grande tempismo” solo il 21.12.2015 e che pertanto si qualifica come assolutamente pretestuosa  - incalza Fuliano -.

La scelta discrezionale, adottata in violazione alla predetta legge regionale 5/2014, appare ancor più incomprensibile se si considera che il direttore generale della Asp di Agrigento, dopo innumerevoli solleciti della Fials, ricevuta specifica direttiva dell’Assessorato della Salute a luglio 2015, con propria nota prendeva atto di dovere provvedere alla proroga dei contratti dei lavoratori ex Lsu fino al 31.12.2016 e contestualmente, con la medesima nota, ordinava al dirigente responsabile del Servizio personale di provvedere al riguardo.

Non sappiamo cosa o chi ha fatto cambiare idea al direttore generale dell’Asp di Agrigento. Ci limitiamo a rilevare che la scelta illegittima compiuta dallo stesso direttore, in danno ai lavoratori contrattisti della medesima azienda, consuma un’innegabile ed ingiusta discriminazione tra lavoratori appartenenti al medesimo bacino di precariato.

Al fine di garantire uniformità di trattamento ai lavoratori contrattisti di tutte le Aziende sanitarie della regione, chiediamo che venga nominato un commissario ad acta per l’Asp di Agrigento che proceda ad applicare l’art. 30 della legge 5/2014 e, dunque, a prorogare i contratti dei relativi lavoratori contrattisti al 31 dicembre prossimo», conclude la nota.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Proroga di un solo mese per i contrattisti dell'Asp, Fuliano (Fials): «Serve un commissario ad acta»

AgrigentoNotizie è in caricamento