Reati sul web

Più Sms di alert sul cellulare: impiegato fa appena in tempo a dare un'occhiata e si accorge d'aver perso 150 euro

La polizia ha trasmesso il fascicolo ai colleghi della Postale che hanno avviato le indagini per provare a dare un nome e cognome a chi s'è appropriato del denaro dell'agrigentino

Sui quei siti internet esteri non c'era mai andato, nemmeno per dare un'occhiata rapida. Eppure, nell'arco di pochi minuti, s'è visto arrivare una serie di Sms che lo avvisavano di addebiti su addebiti. Sette per la precisione, per un totale di 150 euro di spesa. Incredulo, ma anche allarmato, l'impiegato agrigentino quarantaduenne ha subito chiamato la sua banca ed ha bloccato la carta di credito, poi è andato dalla polizia per formalizzare una denuncia a carico di ignoti. 

La frittata era però già fatta: quei 150 euro - nonostante il disconoscimento delle spese - l'agrigentino li ha persi. 

Non si tratta del primo caso, né tanto meno sarà l'ultimo. Le frodi informatiche continuano ad essere, anche in questa provincia, all'ordine del giorno. E non ci sono distinzioni: colpiscono giovanissimi, ma anche anziani, donne e uomini, impiegati e disoccupati. Chiunque abbia uno strumento finanziario è, di fatto, una potenziale vittima.

La polizia ha trasmesso il fascicolo realizzato ai colleghi della Postale che hanno avviato le indagini per provare a dare un nome e cognome a chi s'è appropriato del denaro dell'agrigentino. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Più Sms di alert sul cellulare: impiegato fa appena in tempo a dare un'occhiata e si accorge d'aver perso 150 euro
AgrigentoNotizie è in caricamento