Emergenza Covid, Di Caro e Mangiacavallo (M5S): "Un centro d’eccellenza per le malattie infettive a Ribera"

I due deputati chiedono al Governo regionale di attrezzare per questo scopo il "Fratelli Parlapiano"

"Istituire un centro regionale specializzato in malattie infettive, con annesso Covid hospital e pronto soccorso dedicato, nel presidio ospedaliero 'Fratelli Parlapiano” di Ribera". A lanciare la proposta sono i parlamentari regionali del Movimento 5 Stelle, Matteo Mangiacavallo e Giovanni Di Caro. Quest'ultimo ha, sul tema, anche presentato un'interrogazione al governo regionale. 

Per i due deputati regionali, “il presidio di Ribera ben si presta allo scopo - sottolineano - ma va mantenuta la piena efficienza della struttura, anziché declassificarlo e trasformare il pronto soccorso in Pte (presidio territoriale di emergenza), come vorrebbe attualmente il piano sanitario. Vanno inoltre apportate le necessarie modifiche strutturali per rendere l’ospedale efficiente e sicuro e confermarlo come punto di riferimento per i comuni dei monti sicani. Quello di Ribera è infatti un presidio fondamentale per la popolazione e questa funzione è ancora più importante in vista della cosiddetta fase 2 dell'emergenza coronavirus”. 

“Riteniamo - aggiungono Di Caro e Mangiacavallo - che sia essenziale agire con nuove strategie, percorsi specifici e strutture dedicate per far fronte ad eventuali e nuove emergenze sanitarie e questa parte del territorio della provincia di Agrigento - versante Sud della regione, notoriamente più esposto al rischio di contaminazione e di patologie infettive gravi provenienti dalle popolazioni extracomunitarie che annualmente sbarcano sulle coste siciliane - andrebbe dotato di una struttura sanitaria d'eccellenza, che possa svolgere un'attività di cura e ricerca sulle malattie infettive”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la Sicilia diventa zona gialla, Musumeci: "Non è un liberi tutti"

  • Incidente sulla statale 115: scontro fra auto e furgone, morta una 59enne di Licata

  • Coronavirus e zona "gialla", ecco tutte le regole in vigore da domani

  • Coronavirus, nuovo boom di contagi in provincia: ad Aragona muore ex sindaco, una vittima pure a S. Giovanni Gemini

  • Coronavirus, crescono i casi a Canicattì (+11), Ravanusa (+9), Campobello (+3), Racalmuto e Licata (+1): c'è anche un morto

  • Scoperto stabilimento dolciario abusivo, sequestrati generi alimentari scaduti e mal conservati: un arresto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento