menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il crollo del costone sul palazzo Crea, il giudice va via: processo azzerato

Se la difesa non darà il consenso ad acquisire l'attività istruttoria, si dovrà ripartire dalle questioni preliminari

Il giudice Rosanna Croce lascerà l’ufficio nelle prossime settimane e il processo per il crollo del costone sul palazzo Crea viene azzerato dopo le battute iniziali che, comunque, erano state particolarmente complesse. Ieri mattina doveva continuare la deposizione dell’ex comandante della polizia municipale di Agrigento Cosimo Antonica e, invece, l’udienza è stata direttamente aggiornata al 4 luglio.

Il dibattimento ripartirà davanti al giudice monocratico Manfredi Coffari. Se i difensori degli imputati (gli avvocati Silvio Miceli, Antonino Gaziano, Rosa Salvago, Nicolò Grillo e Antonino Manto) dovessero dare il consenso ad acquisire la minima attività istruttoria svolta fino a oggi, si procederà direttamente da dove ci si è fermati. In caso contrario si dovrà ripartire dalle formalità iniziali con le stesse eccezioni preliminari (la difesa, ad esempio, chiedeva di dichiarare inutilizzabile una consulenza tecnica del pm) che ne avevano rallentato l’avvio.

Nella lista degli imputati ci sono l’ex sindaco Marco Zambuto, il dirigente dell’ufficio tecnico comunale, Giuseppe Principato, e i tre proprietari dei terreni prospicienti al costone dei cosiddetti Palazzi Crea le cui condizioni fatiscenti avrebbero provocato la frana. Si tratta di Maria Isabella Sollano, 76 anni, e dei figli Valentina e Oreste Carmina, 50 e 47 anni. 
Zambuto e Principato, secondo il pm Andrea Maggioni, titolare dell'inchiesta che nei mesi scorsi è stato trasferito alla Procura di Ferrara, "sapevano già due anni prima del crollo della grave situazione di pericolo”, tanto che avevano messo per iscritto anche un’ordinanza di messa in sicurezza ma senza preoccuparsi che venisse rispettata come, invece, impone la legge. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento