menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una delle opere in mostra al Santo Spirito

Una delle opere in mostra al Santo Spirito

"Frammenti di storia" del Rinascimento e del tardo Barocco in mostra al Santo Spirito

Esposta anche una lapide con iscrizione del 1293, già catalogata negli anni '70 del XX secolo ed occultata per anni in una sala del palazzo di città

Una piccola parte del tesoro di Agrigento - proveniente da chiese e palazzi non più esistenti - è in mostra al complesso monumentale di Santo Spirito. "Frammenti di storia: materiali lapidei dell’età moderna nelle collezioni dell’ex museo civico” è il frutto di una proficua collaborazione tra Comune e Soprintendenza. "Un’occasione che tutela la memoria e la storia di Agrigento" - ha detto il sindaco Lillo Firetto - .

Sono stati proposti e restituiti alla pubblica fruizione alcuni preziosi materiali lapidei, provenienti in gran parte da chiese e palazzi non più esistenti, databili dal Rinascimento al tardo Barocco. Esposta anche una lapide della fine del 1200, ritenuta scomparsa per decenni, e recuperata lo scorso anno dall’amministrazione comunale, insieme ad altri preziosi beni storici, in un vecchio magazzino. "Un percorso che arricchisce ancora di più i tanti già presenti nel cuore antico di Girgenti - ha commentato Firetto - in una nuova vivacità di esperienze culturali e di restituzione dei nostri luoghi di memoria".

Il percorso è stato realizzato in continuità con l'allestimento del 2012 “Vestigia Nobilia”, curato dalla stessa Gabriella Costantino già direttore del museo di Agrigento. La pubblicazione a corredo dell'esposizione contiene interessanti contributi scientifici sul patrimonio lapideo dell'età moderna. Fa eccezione una lapide con iscrizione del 1293, già catalogata negli anni '70 del XX secolo ed occultata per anni in una sala del palazzo di città.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento