Il coraggio di partire e vivere, l'agrigentina Flavia Colucci: "La Grande Mela non fa paura"

Laureata in Lettere e Filosofia, si è fatta spazio tra i grandi palazzi per poi arrivare a trovare la sua giusta dimensione. Oggi, lavora in una scuola d’alto livello la Speakitaly

L'agrigentina, Flavia Colucci

Sei un imprenditore, uno studente, un pizzaiolo o anche un "cervello" in fuga?  Abbiamo deciso di dare voce agli agrigentini fuori sede. Le loro esperienze, i loro racconti e le loro storie possono essere da esempio per chi ha voglia di tornare o anche di restare. Dedicheremo uno spazio settimanale, un focus che serva a raccontare le vite ormai lontane dall’ombra della Valle dei Templi. Un microfono aperto a tutti, una volta a settimana. Se un agrigentino fuori sede? Raccontati ad AgrigentoNotizie. 

Partire dalla normale e bella Agrigento fino ad arrivare alla grande America. Non ha avuto paura Flavia Colucci, agrigentina doc con la voglia di conoscere altre vite, altre culture e l’altra faccia del mondo. Con coraggio, quello che oggi la contraddistingue, ha scelto di lasciare la sua città del cuore per provare a vivere a NewYork. La sua vita come una bella e grande avventura, si è fatta spazio tra i grandi palazzi per poi arrivare a trovare la sua giusta dimensione. Oggi Flavia lavora in una scuola d’alto livello la Speakitaly, l’America le ha regalato anche l’amore è felice ma non dimentica famiglia e amici.

Flavia, raccontaci la tua storia...

"La mia storia negli Stati Uniti inizia 6 anni fa. Avevo solo 24 anni quando decisi di intraprendere questa bellissima esperienza, meglio chiamarla una colorata e pesante avventura. Era una delle più fredde domeniche del 2013 quando io e mia cugina, anche lei agrigentina, arrivavamo a New York. Il giorno dopo mi sono ritrovata da sola spiazzata, con il mio elementare livello d’ inglese ad assistere ed aiutare Alba Clemente, un’ affermatissima costumista italiana, presso un piccolo teatro sull’ Upper west Side a NYC. È stata un’esperienza sconvolgente e così gratificante nel vedere 'Flavia Colucci Assistant Costume' sulle brochure dello spettacolo teatrale Off Broadway portato a termine dai grandi talenti  della Columbia University di NYC. In pochissimo tempo, grazie alla mia caparbietà ed all’aiuto di tante persone, la vita mi ha regalato tantissimi cambiamenti. Passando gli anni mi rendevo conto che: 'A New York tutto può accadere se si vuole veramente'. Dopo tanto divertimento e peripezie oggi mi ritrovo a lavorare su set televisivi e teatrali in tutta NY come costumista e truccatrice - specializza in skin care, grazie al corso di formazione svolto in Emilia Romagna dallo specialista Pasquale Notonica, ormai conosciuto in tutto il mondo -. Un lavoro fantastico, molto divertente e intenso ma che in realtà non rispecchia totalmente la mia personalità. È per questo che un bel giorno sono andata alla ricerca di qualcos'altro per colmare questa piccola mancanza. Una mancanza che si è trasformata in una grandissima vittoria: Speakitaly. Una delle più belle e vere scuole private d’ italiano a NYC per bambini e adulti. La laurea in lettere e Filosofia mi permetteva l’assunzione presso questa scuola privata diventando la “leader” delle insegnanti della scuola Speakitaly di cui oggi ne sono fiera e soddisfatta. Il mio Presente? Sono felicemente super impegnata  e cerco di gestire due lavori e un fidanzato dando sempre il massimo". 

Perche hai lasciato Agrigento?

"Ho lasciato Agrigento, anzi meglio dire ho lasciato il mio paese perché ad un certo punto tutto mi stava stresso, anche i vestiti (sorride ndr). Anzi lancio un appello per le donne prosperose, qui sono ben viste e maggiormente apprezzate quindi..." La mia terra? Il mare, i colori, i profumi, il cibo, la mia numerosa famiglia, le mie più care amicizie mancano Troppo. Le loro presenze sono dei punti fondamentali nella mia vita di cui non ne posso fare a meno. La cosa peggiore che mi sta accadendo ultimamente è di sentire questo senso di vuoto crescere invece di diminuire con il tempo. Si presuppone che con il cosiddetto famoso verbo riflessivo 'abituarsi' io ne sia palesemente nemica". 

Qual è il tuo più grande sogno?

"Il mio più grande sogno lo vivo ogni giorno".

Hai un consiglio per i giovani agrigentini?

"Non voglio essere scontata ma ho una  persistente risposta a quell’esclamazione che mi viene fatta ogni volta che uno dei miei agrigentini amati mi vede per strada durante una delle nostre fantastiche feste agrigentine ai chioschi in spiaggia: “Wuaoooo Flavia ma come hai fatto a fare tutto ciò? Sei una grande'.  La mia risposta? Io non sono una grande ma di grande c’è solo la città in cui ho deciso di vivere: La Grande Mela. L’ essere umano è una macchina perfetta. Con delle gambe o delle braccia e un cervello determinato chiunque può essere all’ altezza di fare ciò che ho fatto io e di raggiungere i propri obiettivi Stravolgere una vita troppo sedentaria e monotona è un qualcosa di personale; non tutti lo vogliono ma se questo é uno dei vostri desideri fatelo. Per ottenere ciò che si vuole si deve rischiare".

Come vedi Agrigento da lontano?

"Agrigento è la Mia più bella risorsa naturale che ci possa essere al mondo.  Agrigento è la mia casa e rispecchia Who I am".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento