menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una veduta del fiume Akragas

Una veduta del fiume Akragas

Scarichi abusivi nell'Akragas, ricorsi contro le ingiunzioni di pagamento

Tanti i cittadini che, negli anni passati, sono stati sanzionati perché avevano degli allacci a condotte che lasciavano defluire le fognature nel fiume

Sono almeno sei, ma potrebbero essere le prime di una lunga serie, le ingiunzioni di pagamento - emesse dal settore Ambiente, Turismo, Attività economiche e produttive, Infrastrutture stradali e Protezione civile del Libero consorzio comunale – che sono state impugnate con tanto di ricorso in opposizione. Torna a farsi concreto il problema di quegli agrigentini che, negli anni passati, sono stati sanzionati perché avevano degli allacci a condotte che scaricavano nel fiume Akragas. Il tutto, naturalmente, senza autorizzazione allo scarico.

Controlli e scoperte vennero fatte, nel corso del tempo, dal personale tecnico dell’Utc di palazzo dei Giganti, Girgenti Acque e dagli agenti di polizia giudiziaria del comando dei vigili urbani. La sanzione amministrativa varia da 6 mila a 60 mila euro. Le multe elevate loro vanno da un minimo di 6 mila ad un massimo di 9 mila euro. Sanzioni che, però, non sono state onorate. Ed ecco dunque che il settore Ambiente, Turismo, Attività economiche e produttive, Infrastrutture stradali e Protezione civile del Libero consorzio comunale ha firmato delle vere e proprie ingiunzioni di pagamento. Ingiunzioni contro le quali, adesso, gli agrigentini stanno facendo ricorso. Ma il Libero consorzio comunale – gli atti sono stati firmati dal commissario straordinario Girolamo Alberto Di Pisa - ha deciso di resistere in giudizio nominando un legale per la difesa processuale dell’ente. Tutto dunque, se non verrà trovata un’alternativa, finirà davanti ad un giudice.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento