menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto ARCHIVIO)

(foto ARCHIVIO)

Quattro mensilità arretrate, scoppia la protesta degli addetti alla pulizia del tribunale

La Fisascat Cisl ha proclamato lo stato di agitazione: "Molti lavoratori non possono più pagare la corrente elettrica"

Proclamato lo stato di agitazione dei lavoratori impiegati nei servizi di pulizia e custodia degli uffici del Tribunale, che al momento aspettano gli stipendi di luglio, agosto, settembre e la quattordicesima. A comunicarlo è la Fisascat Cisl delle province di Agrigento, Caltanissetta ed Enna. Al centro, la difficile situazione vissuta dalla società che svolge il servizio ma, soprattutto, dei dipendenti che vi lavorano.

"Questa - dicono dal sindacato - è una delle tante vicende che mostrano il quadro dello stato di continue sofferenze e mortificazione a cui sono sottoposti i lavoratori, costretti quasi ad elemosinare un diritto sancito dalla legge".

Lo scorso 18 agosto i lavoratori avevano già scritto attraverso i sindacati al presidente del Tribunale Pietro Falcone, chiedendo di pagare in surroga gli stipendi, ma l'appello non aveva avuto successo. "Sono trascorsi tre mesi - dicono dalla Fisascat Cisl - e la situazione è ulteriormente peggiorata, al punto che alcuni lavoratori hanno subito l'interruzione della fornitura delle utenze di luce, acqua e gas e non avendo pagato le rate del mutuo di casa rischiano pure lo sfratto".

La Fisascat Cisl, quindi, ha proclamato lo stato di agitazione della categoria e chiesto al prefetto Dario Caputo di convocare le parti in causa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento