rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca Naro

Comune, finisce l'incubo del precariato per trentatré lavoratori: oggi la firma

Non ci sono quindi più lavoratori a tempo determinato all'interno dell'ente, soddisfatto il sindaco Calogero Cremona

Finisce l'incubo del precariato "storico" per trentatré lavoratori del Comune di Naro. Oggi sono stati firmati infatti fimrati i contratti a tempo indeterminato che riguardano la copertura dei posti di assistente sociale, vigile urbano, istruttore amministrativo, istruttore contabile, e istruttore tecnico.  Le selezioni, per soli titoli, sono state effettuate dalle commissioni giudicatrici, nominate dal sindaco dott. Calogero Cremona, in base al regolamento comunale interno.

"L'amministrazione comunale, avvalendosi della nuova normativa vigente - commenta il sindaco Lillo Cremona - ha concluso le procedure per la stabilizzazione dei 33 precari di categoria C e D  al fine di stabilizzarli, come aveva già fatto con i 15 precari di categoria A e B. Si tratta di dipendenti che lavorano precariamente al Comune da decenni, prima impegnati in attività socialmente utili, dopo  con contratto a temine più volte rinnovato e, a partire dal primo maggio, finalmente con  rapporto di lavoro a tempo indeterminato che corona l'aspettativa legittima della definitiva stabilità nel posto di lavoro, dopo tanti e lunghi anni in cui questi dipendenti hanno retto uffici e portato avanti  procedimenti amministrativi che altrimenti non sarebbero potuti andare avanti.  

Stabilizzati 33 precari al Comune di Naro

I dipendenti stabilizzati sono i seguenti: Anna Maria Nicotra e Concetta Scepi (assistenti sociali); Giuseppe Ala, Vincenzo Morgana e Maria Rita Papalia (vigili urbani); Iona Alaimo, Giovanni Andolina, Angela Aronica, Vincenzo Canicattì, Massimo Castelli, Francesco Ferraro, Giovanni Ferraro, Angelo Giunta, Salvatore Marino, Maria Melilli, Anna Maria Morello, Salvatore Novella, Rosetta Troisi (istruttori amministrativi); Giuseppina Alù, Lina Bellavia, Giuseppe Bonfiglio, Carmela Camilleri,SARA Tacci, Barbara Timpanaro (istruttori contabili); Lillo Baldanza, Alberto Bellavia, Giovanni Lo Bello, Gino Miccichè, Alessandro Mulè,Raffaele Termini, Luciano Terranova, Francesco Urso, Giuseppe Vassallo (istruttori tecnici).

          

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comune, finisce l'incubo del precariato per trentatré lavoratori: oggi la firma

AgrigentoNotizie è in caricamento