menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Acqua pubblica, Firetto: «Speriamo in un nuovo efficace sistema»

Il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto, ha ribadito il sostegno al percorso di ripubblicizzazione del servizio idrico integrato che, partito nel 2008 sulla spinta delle amministrazioni comunali che non avevano consegnato le proprie reti, ha trovato un momento di amplissima verifica di consenso sociale nella consultazione referendaria del giugno del 2011

«La nuova amministrazione comunale di Agrigento ha da subito esplicitato (lo ha fatto nelle riunioni dei comuni che sostenevano l'approvazione del Dl per la ripubblicizzazione nonché all'Ars in occasione della discussione e approvazione della Lr 19/2015) il proprio sostegno al percorso di ripubblicizzazione del servizio idrico integrato che, partito nel 2008 sulla spinta delle amministrazioni comunali che non avevano consegnato le proprie reti, ha trovato un momento di amplissima verifica di consenso sociale nella consultazione referendaria del giugno del 2011».

Si legge in una nota del Comune.

«Auspichiamo - afferma Lillo Firetto - che, verificata la nuova individuazione degli ambiti ottimali che il governo regionale dovrebbe definire, tale percorso punti alla creazione di un sistema nuovo capace di cogliere gli obiettivi prioritari della riforma: "la qualità, l’efficienza, l’efficacia, l’economicità, la trasparenza, l’equità sociale e la solidarietà nonché l’omogeneizzazione dei livelli del servizio e della relativa tariffa».

Per ciò che riguarda il confronto tra i Comuni che avevano consegnato le reti al gestore privato, Firetto «plaude all’incontro di avvio odierno che, si auspica, possa estendersi ben presto a tutti gli altri Comuni  che hanno mantenuto il possesso delle reti; tutti i comuni  cioè partecipi, per evitare che possano esserci cittadini di territori limitrofi trattati in diverso modo, per la semplice ragione che un Comune dispone del prezioso liquido in sovrabbondanza ed un altro no. Peraltro, sembra essere questo uno degli obiettivi della nuova normativa, che prevede una sostanziale perequazione tra i cittadini nella fruizione di un bene primario quale è l’acqua».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Un aiuto per i più deboli: la Brigata “Aosta” dona beni di prima necessità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento