rotate-mobile
Venerdì, 12 Agosto 2022
Il verdette / Favara

Si finge tecnico dell’Enel e ruba 17 mila euro in casa di un’anziana: condanna definitiva per 33enne

Dovrà anche risarcire le spese processuali e i danni sia alla donna che al figlio che si erano costituiti parte civile. I reati per i quali la Cassazione ha emesso il verdetto sono la sostituzione di persona e il furto in abitazione

Si sarebbe spacciato per dipendente dell’Enel riuscendo ingannando un’anziana donna che, fidandosi di lui, gli avrebbe aperto la porta di casa consentendogli di portare a termine un maxi furto di ben 17 mila euro. La Corte di Cassazione, per questi fatti avvenuti nell’estate del 2016, ha condannato il favarese Gaetano Alaimo, 33 anni, disoccupati. Con la sentenza definitiva gli sono stati inflitti 4 anni e 4 mesi di reclusione per i reati di sostituzione di persona e furto in abitazione.

Alaimo è stato anche condannato a pagare una multa di 1.400 euro e al risarcimento dei danni in favore delle parti civili, ovvero la donna vittima del furto e il figlio di lei, entrambi assistiti dall’avvocato Ersilia Bottiglieri. In primo grado il processo si era svolto con il rito abbreviato. 

Secondo le accuse Alaimo avrebbe chiesto all’anziana ottantenne dei chiarimenti su fantomatiche bollette dell’Enel non pagate, invitandola a regolarizzare gli insoluti per evitare che l’Enel interrompesse l’erogazione di energia elettrica. Si era qualificato con il falso nome di Alessandro Favara.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si finge tecnico dell’Enel e ruba 17 mila euro in casa di un’anziana: condanna definitiva per 33enne

AgrigentoNotizie è in caricamento