menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Degrado nel quartiere di Villaseta (foto archivio)

Degrado nel quartiere di Villaseta (foto archivio)

La Scala (M5s) sollecita Firetto: "Pronti 200milioni per recupero delle periferie"

Il consigliere Marcello La Scala del Movimento 5 stelle: "Il Comune di Agrigento può rientrare a pieno titolo nelle caratteristiche richieste dal bando ed è possibile prevedere l’aggregazione con altri enti"

È imminente l’approvazione e la successiva pubblicazione del decreto attuativo del presidente del Consiglio dei ministri e del bando che mette in palio quasi 200 milioni per il recupero delle periferie degradate. Per ogni progetto l'ente locale potrà ricevere da un minimo di 100mila euro fino a un massimo di 2 milioni. Così il Movimento 5 stelle ricorda che "anche il Comune di Agrigento potrà concorrere al bando anche con progetti di riqualificazione (edilizia o urbana) di livello preliminare".

"E’ tempo – spiega Marcello La Scala, consigliere comunale pentastellato - che l’amministrazione Firetto passi dalle chiacchiere ai fatti sul futuro delle nostre periferie, non mancando questo appuntamento. Troppe volte nel passato anche recente il Comune non ha sfruttato occasioni così propizie ed ha perso il treno della riqualificazione della nostra città. Il Comune di Agrigento può rientrare a pieno titolo nelle caratteristiche richieste dal bando ed è possibile prevedere l’aggregazione con altri enti". 

Per la partecipazione al bando, così come ricorda il consigliere La Scala, bisogna predisporre una progettazione supportata dal settore tecnico e dalla direzione dei servizi sociali.

"Con una mozione – dice ancora il consigliere 5stelle - ho chiesto che sindaco e Giunta si impegnino affinché costituiscano un 'ufficio progettualità' che coinvolga il settore tecnico dei lavori pubblici e la direzione dei Servizi sociali con lo scopo di redigere la progettazione preliminare degli interventi di recupero urbano per Agrigento e, come conseguenza, concorrere al bando presentando il progetto entro la scadenza prevista che è il prossimo trenta novembre. Non potremo che considerare intollerabile lasciarsi sfuggire questa opportunità. Non basta per Agrigento qualche spolverata per sistemare qua e là l’arredo urbano, occorrono interventi di più ampio respiro e qualificanti. Attendiamo la giunta alla prova dei fatti".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre lo "Sportello di ascolto solidale": aiuterà anche le famiglie

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgrigentoNotizie è in caricamento