Giovedì, 16 Settembre 2021
Cronaca

"Finanziamenti illeciti per sostegno a campagna elettorale", 13 indagati

Chiuso dalla Procura di Caltanissetta il nuovo filone di indagini sul sistema che aveva come regista l'ex presidente di Sicindustria, Antonello Montante, che coinvolge alcuni esponenti politici, ex assessori regionali, imprenditori - alcuni dei quali agrigentini - ed esponenti delle forze dell'ordine, ex vertici della Dia

Il palazzo di giustizia di Caltanissetta

Chiuso dalla procura di Caltanissetta il nuovo filone di indagini sul sistema che aveva come regista l'ex presidente di Sicindustria, Antonello Montante, che coinvolge alcuni esponenti politici, ex assessori regionali, imprenditori ed esponenti delle forze dell'ordine, ex vertici della Dia. Tredici gli indagati ai quali - secondo quanto scrive l'Agi - è stato inviato l'avviso di conclusione indagini preliminari.  Montante è già stato condannato a 14 anni con l'accusa di avere creato una rete di talpe che lo informava delle indagini a suo carico. Questa parte dell'inchiesta riguarda, invece, i finanziamenti illeciti che, secondo l'accusa, sarebbero stati erogati per sostenere la campagna elettorale dell'ex governatore Rosario Crocetta, accusato dai pm di essersi messo "a disposizione di Montante, asservendo agli interessi di quest'ultimo e dei soggetti a lui legati, gli apparati dell'amministrazione regionale, tra l'altro mediante la nomina di assessori individuati da Montante". 

I tredici indagati sono accusati, a vario titolo, di associazione a delinquere, corruzione, abuso d'ufficio e finanziamento illecito ai partiti. A chiudere le indagini, il procuratore aggiunto Gabriele Paci e i sostituti Davide Spina e Claudia Pasciuti. Nella lista degli indagati, dunque, oltre a Montante, l'ex presidente Rosario Crocetta e gli ex assessori Linda Vancheri e gli agrigentini Mariella Lo Bello, l'ex commissario Irsap, Maria Grazia Brandara, gli imprenditori Giuseppe Catanzaro, Rosario Amarù e Carmelo Turco, Vincenzo Savastano nella qualità di vice questore aggiunto della polizia di Stato presso l'ufficio della polizia di frontiera di Fiumicino; Gaetano Scillia capocentro Dia di Caltanissetta dal 2010 al 2014; Arturo De Felice, direttore della Dia dal 2012 al 2014, Giuseppe D'Agata, nella sua veste di capocentro della Dia di Palermo dal 2010 al 2014, e Diego Di Simone Perricone, ex capo della security di Confindustria.  De Felice, scrivono i magistrati nell'avviso di conclusione indagini, avrebbe - riporta l'Agi - esercitato "le proprie prerogative istituzionali, sia investigative che direttive, in maniera tale da soddisfare gli interessi personali di Montante e di soggetti allo stesso strettamente collegati, adottando, anche su esplicita sollecitazione, iniziative pregiudizievoli nei confronti di soggetti invisi a quest'ultimo e favorendo, invece, quelli da lui ritenuti vicini".

Secondo la procura di Caltanissetta, Montante, Turco, Amarù e Catanzaro avrebbero finanziato illecitamente la campagna elettorale del 2012 di Crocetta, versando 200 mila euro circa ciascuno. In cambio l'ex leader di Confindustria avrebbe ottenuto "contributi, finanziamenti per imprese riconducibili quest'ultimo o a soggetti al medesimo vicini". 

La reazione di Fava: "La commissione Antimafia aveva già descritto il sistema"

"Esattamente due anni fa, il 19 marzo 2019, la commissione antimafia approvava la relazione sul"sistema Montante".  Lo ricorda il presidente Claudio Fava, che sottolinea come "nelle pagine di quella relazione veniva plasticamente ricostruito un sistema pervasivo che piegava la macchina amministrativa e il Governo della regione siciliana agli inqualificabili interessi di pochissimi. Le conclusioni della nostra relazione sono oggi confermate dalla procura di Caltanissetta, punto per punto, responsabilità per responsabilità: il governo Crocetta è stato l'esecutore della volontà di un gruppo di potere parallelo che per anni ha delegittimato regole, norme e prassi parlamentare". "Per una volta - conclude Fava - la politica ha saputo anticipare il lavoro, meritorio, delle Procure. Per taluni erano solo gossip, per noi è stato il frutto di mesi di indagine, di riscontri documentali, di testimonianze acquisite. Un lavoro di cui oggi possiamo andare orgogliosi".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Finanziamenti illeciti per sostegno a campagna elettorale", 13 indagati

AgrigentoNotizie è in caricamento