L'appello di un padre: "Mia figlia subisce violenze, ma non denuncia"

L'uomo avrebbe contattato il Telefono aiuto e segnalato una situazione, a suo dire, insostenibile

Foto archivio

“Mia figlia non si ribella al marito violento, aiutatemi”. E’ stato questo l’appello disperato di un padre che ha deciso di rivolgersi al telefono aiuto. La ragazza, a detta del genitore, subirebbe violenze giornaliere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Appresa la segnalazione, il Telefono aiuto è pronto a monitorare la situazione. Secondo quanto fatto sapere da La Sicilia, la donna starebbe continuando a perdonare il presunto marito violento, pur di salvare il matrimonio. Il Telefono aiuto è coordinato dalla sociologa Antonella Gallo Carrabba.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Vendesi villa da sogno", casa Modugno a Lampedusa potrà essere acquistata

  • I contagi da Covid-19 continuano ad aumentare, firmata l'ordinanza: ecco tutti i nuovi divieti

  • A 214 km orari sulla statale 640, raffica di multe per l'elevata velocità e per uso del cellulare

  • Boom di contagi da Covid-19 ad Aragona, i genitori: "Prima la salute dei nostri figli, scuole chiuse subito"

  • Coronavirus, 7 nuovi casi: 3 ad Aragona, 2 a Sciacca, 1 ad Agrigento e a Palma

  • Emergenza Covid-19: diagnosticati 7 nuovi contagi ad Aragona che è a 16 casi: positivi anche ad Agrigento e Sciacca

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgrigentoNotizie è in caricamento