rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca

Forme di vita, medicina e Copernicus: applausi a scena aperta per il Festival delle Scienze

Ad aprire la conferenza è stato Edoardo Boncinelli, genetista italiano e autore di diversi libiri. "Dobbiamo avere fame di sapere

Applausi a scena aperta per la penultima serata del Festival delle Scienze. Nella serata di ieri, ai piedi della Valle dei Templi gli agrigentini hanno apprezzato gli interventi. Ad aprire la conferenza è stato Edoardo Boncinelli, genetista italiano e autore di diversi libiri. "Dobbiamo avere fame di sapere. Dobbiamo porci delle domande e poi dobbiamo guardare il cielo. E se due forme di vita si incontrassero? Dobbiamo ragionare tanto prima di ‘sparare’ la prima cosa che ci viene in testa. Insomma, dovremmo contare fino a mille, poi parlare”. L’intervento di Boncinelli è stato tra i più applauditi dell’intero Festival delle Scienze. "Mia moglie dice che in ogni mio incontro estivo ne esce fuori un libro, si forse ha ragione”. Edoardo Boncinelli in primavera presenterà la sua ultima fatica letteraria. "I miei editoriali? Sono frutto di ciò che accade - ha detto . Ad esempio l’altra notte ho riflettuto sul potere di un abbraccio ed ho dato vita ad un breve aforisma: 'Abbracciate la gente, e non in modo rituale più spesso che potete. Con discrezione, ma senza far economia'. Il tweet ha avuto un certo successo. L’abbraccio costa poco ma rende tanto”.

"Festival delle Scienze", la quarta serata

Boncinelli ha lasciato spazio a Salvo Di Grazia, medico siciliano che fa del suo stile di vita una nuova “missione”. Lui, sul palco ha portato le sue idee, dimostrando che a suo dire: “Medicine e bugie vanno spesso di pari passo”. Di Grazia,  numeri e test alla mano, ha parlato dei grandi interessi che ruotano attorno alla medicina. Lui, nel suo blog MedBunker spiega la medicina e le false scienze. “I grandi colossi mi odiano? Beh si, ammetto proprio di sì. Io, però. Amo fare conoscere la verità”. L’evento è stato concluso da Stefano La Terra Bella, siciliano di Ragusa che ha illustrato “Copernicus”. Il programma terrestre che ha diverse applicazioni. La Terra Bella, ha mostrato l’efficienza che può avere Copernicus nelle emergenze. Scopo di questo servizio è quello di proteggere i cittadini e aiutare il coordinamento tra gli enti con l'obiettivo di pianificare le azioni per l'aiuto ai coinvolti, oltre a pianificare una prima stima dei danni. La serata, si è conclusa con gli applausi, alla fine gli organizzatori dell’evento hanno distribuito dei poster che ritraggono parte della Sicilia. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Forme di vita, medicina e Copernicus: applausi a scena aperta per il Festival delle Scienze

AgrigentoNotizie è in caricamento