rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Cronaca Favara

"Picchia la figlia, la minaccia con una pistola e la violenta davanti ai nipoti": parte processo a netturbino

La donna avrebbe deciso di denunciare dopo l'ennesimo episodio, il caso approda in aula per il dibattimento

La presunta vittima si costituisce parte civile, dopo una parziale esclusione per ragioni formali legate alla procura prodotta in giudizio, e la difesa del principale imputato annuncia che chiederà una perizia psichiatrica per valutare la capacità di intendere e volere.

Nel frattempo i giudici della seconda sezione penale, presieduta da Wilma Angela Mazzara, ammettono i mezzi di prova presentati dal pubblico ministero Alessandra Russo e dai difensori. Il processo a carico di netturbino cinquantunenne, arrestato il 10 gennaio dell'anno scorso, con le accuse di violenza sessuale e maltrattamenti ai danni della figlia, entrerà nel vivo, con l’interrogatorio dei primi testi, il 4 dicembre.
Il rinvio a giudizio era stato deciso dal gup Stefano Zammuto che ha mandato a processo anche la moglie e due cognati del principale imputato, accusati di favoreggiamento per avere mentito al pm durante le indagini con l'obiettivo di garantire l'impunità al presunto "mostro", accusato di avere violentato e picchiato selvaggiamente la figlia, talvolta minacciandola con una pistola per costringerla ad avere rapporti sessuali con lui, anche in presenza dei nipoti. Altri due figli del netturbino, difeso dall'avvocato Davide Casà, inizialmente indagati per gli stessi fatti, non sono finiti a processo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Picchia la figlia, la minaccia con una pistola e la violenta davanti ai nipoti": parte processo a netturbino

AgrigentoNotizie è in caricamento