rotate-mobile
Cronaca Favara

Uccise compaesano che lo aveva aggredito con un'ascia, i legali: "Fu legittima difesa"

Gli avvocati dell'ottantenne Vincenzo Galiano replicano al pm che ha chiesto la condanna a 24 anni per omicidio premeditato. "Baldassare Contrino era ubriaco e violento, per questo andava in giro armato"

"Ha sparato per salvarsi, è stata legittima difesa. Non aveva alcuna alternativa, neppure la fuga, visto che gli era stata bloccata la porta dell'auto". Gli avvocati Antonino Gaziano e Calogero Vetro replicano così al pubblico ministero Chiara Bisso che aveva chiesto la condanna a 24 anni dell'ottantenne favarese Vincenzo Galiano, reo confesso dell'omicidio di Baldassare Contrino, ucciso a 73 anni il 2 luglio del 2018, a colpi di pistola.

L'imputato, in ogni caso, ha sempre ribadito di essersi difeso dall'ennesima aggressione, con tanto di colpi di ascia in testa. L'omicidio è avvenuto in contrada Caltafaraci, fra Agrigento e Favara. Contrino si trovava su un trattore e stava lavorando nella sua campagna. Galiano, secondo il pm Bisso che contesta la premeditazione, sapendo che avrebbe trovato il suo rivale là, prese la pistola, lo raggiunse e gli sparò al torace uccidendolo.

"Ha fatto un percorso diverso", ha sottolineato. Galiano ha sempre sostenuto di essere stato aggredito dalla vittima, sia il giorno dell'omicidio che in passato: una violenza gratuita, in parte confermata da alcuni parenti e conoscenti dei due protagonisti durante il dibattimento, dettata forse dal fatto che era spesso ubriaco. "Andava in giro con la pistola - hanno replicato i difensori - perchè temeva la violenza del suo rivale. Non poteva fare altro che sparare". Il 25 maggio la Corte di assise presieduta da Alfonso Malato emetterà il verdetto.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccise compaesano che lo aveva aggredito con un'ascia, i legali: "Fu legittima difesa"

AgrigentoNotizie è in caricamento