Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca

"Truffe on line con vendite di oggetti inesistenti", 28enne scarcerato dopo la condanna

Nicolò Pollicino ha ottenuto gli arresti domiciliari, il giudice gli ha inflitto quattro anni di reclusione

Il gup di Agrigento, Francesco Provenzano, il giorno dopo la condanna a 4 anni di reclusione (6 mesi in più di quanto chiesto dal pm Alessandra Russo) ha disposto i domiciliari nei confronti di Nicolò Pollicino, 28 anni, di Favara, arrestato lo scorso 15 maggio con l'accusa di avere messo a segno una serie di truffe on line del valore di 9 mila euro.

Il giovane, difeso dall’avvocato Salvatore Pennica, in particolare, avrebbe simulato di mettere in vendita on line telefoni cellulari, pezzi di ricambio per camion e perfino un’imbarcazione di lusso. La merce, secondo quanto ha accertato il processo, in realtà non sarebbe mai arrivata a destinazione e, peraltro, neppure esisteva. Gli acquirenti, però, avevano regolarmente pagato con carte di credito.

All'indomani della sentenza, il giudice ha disposto la sostituzione della misura cautelare del carcere con i domiciliari. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Truffe on line con vendite di oggetti inesistenti", 28enne scarcerato dopo la condanna

AgrigentoNotizie è in caricamento